Vi ricordate “Mai dire Banzai”? Trasformatelo in un gioco online e date il benvenuto a Fall Guys

Ad agosto il gioco è stato regalato a tutti gli utenti Playstation Plus. In poco tempo è diventato virale

Battle royale. Una sfida in cui tutti sono contro tutti. E solo un partecipante può sopravvivere fino alla fine. Nel 2017 Epic Games ha sbancato il mercato dei videogiochi con questo format, incarnato da Fortnite. Anche se le vendite del gioco non sono più quelle degli anni scorsi, questa modalità continua a mantenere alto l’interesse dei giocatori con altri titoli. L’ultimo titolo che ha fatto del battle royale la sua spina dorsale è Fall Guys: Ultimate Knockout, il titolo di Mediatonic che nelle ultime settimane sta infestando la bacheche di YouTube e gli stream di Twitch.


Il gioco ha registrato già i suoi record. È arrivato quarto nella classifica di Steam tra i titoli che hanno toccato il più alto picco di giocatori in simultanea (124.772), sopra Gta V. Ad agosto invece è stato lasciato in regalo agli utenti PlayStation Plus ed è dientato il videogioco più scaricato di sempre dagli utenti di questa piattaforma.

Il gameplay: preparatevi a diventare un fagiolone scoordinato

FALL GUYS | Una delle tante prove da superare

Prima di arrivare al Mago Forest, all’ingegner Cane, agli Svizzeri e a tutti gli altri personaggi che hanno costruito negli anni ’90 l’Olimpo di Mai Dire Gol, le voci della Giallappa’s Band hanno esordito in televisione con Mai dire Banzai. Era il 1989 e le tre voci comiche commentavano Takeshi’s Castle, progamma giapponese in cui i concorrenti dovevano superare prove ad eliminazione sempre più difficile. Il titolo del programma era Mai dire Banzai.

Di serio c’era ben poco. I giocatori dovevano affrontare enormi ostacoli rotanti di gommapiuma, piscine di fango, antagonisti vestiti da mostri e labirinti pieni di insidie. Ecco. Pensare a questo format è il modo migliore per capire Fall Guys. Ogni partita inizia con 60 giocatori. A ogni round si qualifica il 70% dei concorrenti, fino ad arrivare alla prova finale che incorona il vincitore. Gli ostacoli da superare ricordano molto quelli Takeshi’s Castle con tutte le aggiunte spettacolari permesse da un ambiente virtuale in cui i giocatori non hanno ossa da rompersi, dalla pioggia di frutta gigante ai piani inclinati proiettati nel vuoto, passando per pavimenti che scompaiono al primo tocco.

Tutto questo va giocato con un avatar che ricorda un incrocio fra un Minion e un fagiolo. Creature goffe, dal difficile bilanciamento, che commentano ogni azione con un verso. A parte la possibilità di muoversi per il campo di gioco, sono solo tre i comandi con cui potete guidare il vostro avatar: il salto, il tuffo e l’afferrare. L’ultimo, a parte qualche minigioco in cui bisogna prendere degli oggetti, è molto utile per trattenere gli avversari e assicurare loro morte certa in qualche prova.

Nuovo Fortnite o solo una moda di fine estate?

FALL GUYS | Ogni partita ha sempre un unico vincitore

Al momento Fall Guys sta sbancando fra gli streamer di Twitch: è colorato, è personalizzabile e ha un discreto fattore rage, ci sono momenti in cui ci si arrabbia molto a giocarci e questo a chi segue gli stream o vede i loro video su YouTube piace sempre. Rispetto a Fortnite però è un gioco molto semplice ed è difficile prevedere un’evoluzione, sia in termini di pubblico che di sviluppo del titolo.

A differenza del titolo di punta di Epic Games, il gioco per chi non ha PlayStation Plus è a pagamento: 19,99 euro. Oltre al costo iniziale c’è poi tutto un sistema di acquisti in-game ormai consolidato. Non si paga per migliorare le proprie prestazioni ma per avere delle skin, dei costumi, che servono a personalizzare il proprio personaggio. Il guardaroba tra cui scegliere è vasto, dai semplici pantaloni colorati ai costumi da triceratopo.

Leggi anche: