Clima, nel 2019 il 4% di emissioni in meno rispetto al 2018. L’Agenzia Ue: «Obiettivi sostenibili saranno raggiunti entro la fine dell’anno»

I dati preliminari dell’Agenzia europea per l’ambiente per il 2019 aspettano di essere confermati, certificando la riduzione più significativa degli ultimi 10 anni

I tanto discussi obiettivi di sostenibilità contenuti nell’Agenda europea 2030, potrebbero essere finalmente raggiunti, almeno per ciò che riguarda le emissioni di gas serra. La buona notizia arriva dall’Agenzia Ue sui dati preliminari del 2019 per le emissioni. La presenza di gas serra nell’aria è diminuita del 4% rispetto al 2018 e del 24% rispetto al 1990.


Un dato certamente positivo in sé. che però assume un valore determinante per gli obiettivi di riduzione previsti dall’Unione europea per i prossimi 30 anni. Se i valori, ora preliminari, verranno confermati, si potrebbe parlare della riduzione più significativa degli ultimi 10 anni, e ancora più interessante, si potrebbe considerare ampiamente superato l’obiettivo europeo di riduzione delle emissioni entro il 2020.

Le buone cause

Secondo l’Agenzia europea, la tendenza al ribasso si sarebbe verificata grazie ad una costante crescita dell’utilizzo di energie rinnovabili e l’abbandono del carbone, causato in particolare dal forte aumento di prezzo sul mercato. «Questo dimostra che raggiungere obiettivi di riduzione ambiziosi per il 2030 e la neutralità climatica entro il 2050 è possibile» ha spiegato l’Agenzia.

Buone notizie anche per l’ozono

Nella nota diffusa da Aea arriva anche la conferma di un impegno costruttivo da parte dell’Unione europea finora, per eliminare gradualmente le sostanze che riducono lo strato di ozono. Un’urgenza non meno importante in un continente che, per il settimo anno consecutivo, nel 2019, ha distrutto o esportato più sostanze dannose per l’ozono di quanto sia stato in grado di produrne o importarne.

Leggi anche: