Emergenza climatica in Kenya. L’ultima inondazione del lago Turkana travolge case e animali – Il video

Le precipitazioni straordinarie, la mancanza di infrastrutture adeguate e l’urbanizzazione intensa stanno aumentando il livello dei laghi, provocando una crisi ambientale senza precedenti

Il Kenya è dilaniato dal cambiamento climatico. L’ultima grande inondazione, quella del Turkana, il più vasto lago desertico e alcalino al mondo con i suoi 250 chilometri di lunghezza, sta portando devastazione tra la popolazione e le specie animali locali. L’alluvione è solo l’ultima di una serie di catastrofi climatiche legate alle acque del Kenya. Che con i suoi 64 laghi rappresenta il 9,6 per cento di tutte le acque lacustri del continente africano. La Rift Valley, a est del Paese, è l’area più interessata da eventi simili e raccoglie otto laghi, tra cui il Turkana, che continuano a espandersi ogni anno con ritmi preoccupanti.


L’ultima inondazione del lago, in particolare, ha fatto registrare un aumento delle acque di tre metri. Le cause dietro questi avvenimenti sono legate al cambiamento climatico, ma non solo. Le precipitazioni straordinarie, spesso, sono superiori anche del 400 per cento e i movimenti delle placche tettoniche della Rift Valley influenzano il movimento delle acque. La mancanza di infrastrutture adeguate per arginare e contenere i laghi, però, insieme alla coltura di grosse aree sottratte alle acque, giocano un ruolo cruciale. I cambiamenti delle pressioni necessarie ai campi agricoli per irrigarsi modificano l’equilibrio geologico di falde e coste. L’urbanizzazione coatta, infine, stravolge la morfologia delle sponde con risultati devastanti.

Video:
CGTN
Youtube/Debunk

Leggi anche: