Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Caso Grillo, la famiglia della ragazza denuncia: «Il video gira tra amici come trofeo»

I genitori della presunta vittima dello stupro: «Dolore aggiunto al dolore sul corpo di nostra figlia»

I genitori della presunta vittima di stupro del caso Grillo hanno denunciato la circolazione di spezzoni del video girato nella casa sarda di Beppe Grillo, il 17 luglio 2019. Le immagini sarebbero oggetto di condivisione nelle chat di alcuni amici dei quattro ragazzi, tra cui Ciro Grillo, denunciati per violenza sessuale. «Abbiamo appreso che frammenti di video intimi vengono condivisi tra amici, come se il corpo di nostra figlia fosse un trofeo: qualcosa che ci riporta a un passato barbaro che speravamo sepolto – spiega la famiglia della studentessa -. Confidiamo nel fatto che tutto questo fango sarà spazzato via facendo emergere la verità. Abbiamo dato mandato al nostro legale – la senatrice leghista Giulia Bongiorno – di agire in sede giudiziaria contro tutti coloro che a qualsiasi titolo partecipano a questo deplorevole tiro al bersaglio».


Il testo integrale scritto dai genitori della giovane

Non è facile rimanere in silenzio davanti alle falsità che si continuano a scrivere e a dire sul conto di nostra figlia, aggiungendo dolore al dolore: il nostro e il suo. D’altro canto, sarebbe fin troppo facile smentirle sulla base di numerosi atti processuali che sconfessano certe arbitrarie ricostruzioni e che, per ovvie ragioni, non possono essere resi pubblici. Abbiamo appreso, inoltre, che frammenti (frammenti!) di video intimi vengono condivisi tra amici, come se il corpo di nostra figlia fosse un trofeo: qualcosa che ci riporta a un passato barbaro che speravamo sepolto insieme alle clave. Confidiamo nel fatto che tutto questo fango sarà spazzato via facendo emergere la verità. In ogni caso, la fiducia nella giustizia e il rispetto per le istituzioni – che ci hanno guidato finora e che continueranno a guidarci in futuro – non significano che siamo spettatori passivi: abbiamo conferito mandato al nostro legale di agire in sede giudiziaria contro tutti coloro che a qualsiasi titolo partecipano e parteciperanno a questo deplorevole tiro al bersaglio.


(Testo scritto dai genitori della studentessa che ha denunciato Ciro Grillo e tre suoi amici per stupro)

Il Garante: «Atto illecito»

A stretto giro è intervenuto il Garante della Privacy con una nota: «In relazione alla circostanza – riferita dai genitori della ragazza presunta vittima di stupro attraverso il loro legale – che frammenti del video, relativo all’oggetto del procedimento penale, vengano condivisi tra amici, il Garante per la protezione dei dati personali richiama l’attenzione sul fatto che chiunque diffonda tali immagini compie un illecito, suscettibile di integrare gli estremi di un reato oltre che di una violazione amministrativa in materia di privacy».

Leggi anche: