Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il lapsus geografico del governatore abruzzese Marsilio: «La nostra regione si affaccia su due mari, anzi tre!» – Il video

La replica di Marsilio: «Una questione seria è stata trasformata in burletta. Se ai consiglieri di minoranza basta così poco per esser contenti possiamo pure accontentarlo aggiungendo che l’Abruzzo ha anche le Alpi e il Lago di Garda»

«Se togliamo la Basilicata che non ha una particolare estensione di costa, e il Molise per lo stesso ragionamento, l’Abruzzo è l’unica regione che si affaccia sui due mari. Anzi, su tre mari, compreso lo Ionio oltre all’Adriatico e il Tirreno. Ed è l’unica regione che non ha un’autorità di sistema portuale. Ci sono regioni che ne hanno due, addirittura tre». A dirlo è il presidente della regione Abruzzo Marco Marsilio, a margine della discussione in consiglio regionale sulla “Strategia della Regione Abruzzo sul Corridoio europeo trasversale Tirreno-Adriatico”. Un lapsus forse dato dall’enfasi e dal trasporto del governatore durante il discorso, che però è stato ripreso e pubblicato sui social da Pierpaolo Pietrucci, consigliere regionale del Pd, e ha subito innescato commenti ironici da parte di abruzzesi e non.


La replica di Marsilio: «Questione seria trasformata in burletta»

Dopo la diffusione del video è però arrivata la replica di chiarimento da parte dello staff del governatore abruzzese di Fratelli d’Italia: «L’Abruzzo è l’unica regione italiana (escluse le “piccole”, Molise e Basilicata), di tutte quelle che si affacciano sui tre mari, Adriatico, Tirreno e Ionio, a non avere una propria Autorità portuale. Questo il concetto del presidente Marsilio espresso durante l’intervento», si legge nel comunicato. E ancora: «Se poi a qualche consigliere di minoranza piace buttare un discorso serio in burletta possiamo pure accontentarlo aggiungendo che l’Abruzzo, oltre ad affacciarsi su tre mari, ha anche le Alpi e il Lago di Garda. Se basta così poco per farli contenti…». 


Foto in copertina: ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Leggi anche: