Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

«Inventai gli abusi in famiglia e i riti satanici: a 7 anni temevo di essere abbandonato». Parla Davide, il bambino da cui scoppiò l’inchiesta sui «Diavoli della Bassa Modenese»

A 24 anni dall’inchiesta «Diavoli della Bassa Modenese» parla Davide, dalla cui testimonianza partì l’inchiesta

Aveva 7 anni Davide quando nel 1997 raccontò di abusi e violenze subite da suo padre e suo fratello nella loro casa di Massa Finalese, in provincia di Modena. Racconti sconcertanti che parlavano di un fenomeno ben più ampio, con macabre cerimonie nei cimiteri, riti satanici e violenze su altre bambini che venivano anche spinti a uccidere altri coetanei. Tutte invenzioni di un bambino, come racconta Davide oggi 31enne a la Repubblica, che assieme ad altre testimonianze portarono all’allontanamento dalle rispettive famiglie di 16 bambini che non rividero più i genitori, con decide di arresti, tra cui il padre, la madre e il fratello di Davide. Diversi vennero condannati a molti anni di carcere, altri furono assolti, altri ancora morirono durante le indagini, come una mamma che si suicidò o come don Giorgio Govoni, accusato di essere il capo della setta di pedofili, ucciso da un infarto a due settimane dalla prima sentenza nel 2000.


Davide, che nell’inchiesta Veleno di Pablo Trincia era chiamato “Dario”, era un bambino dato in affido a un’altra famiglia perché, dice: «i miei genitori erano poveri». Nelle prime fasi aveva la possibilità di tornare a casa dai suoi genitori: «Una volta vidi mia madre naturale molto triste. E divenni cupo anche io». Con quello stato d’animo Davide tornava dalla famiglia affidataria, dove veniva tartassato di domande dalla madre che poi lo adotterà su possibili maltrattamenti: «Ha insistito tanto che alla fine le dissi di sì. Anche perché avevo paura di essere abbandonato, se non la avessi accontentata. Senza rendermi conto delle conseguenze di quello che stavo facendo».


I colloqui martellanti di 8 ore

A quel punto cominciano i colloqui con la psicologa Valeria Donati e gli assistenti sociali durante i quali Davide si ritrova a svelare abusi e violenza mai accadute: «Ricordo diversi colloqui anche di 8 ore. Non smettevano finché non dicevo quello che volevano loro». E fu lì che Davide inventò praticamente tutto: «Inventai dei nomi a caso, su un foglio per disperazione. Ho inventato che mio fratello aveva abusato di me, che c’erano delle persone che facevano dei riti satanici. Ma non c’era nulla di vero. Mi sono inventato tutto. Perché se dicevo che stavo bene non mi credeva nessuno. A forza di insistere ho detto quello che si volevano sentir dire».

L’incontro con lo psicologo Claudio Foti a Bibbiano

Ai racconti di Davide seguirono quelli degli altri bambini che allargarono le accuse ad altre persone, anche loro secondo Davide: «Furono pressati, martellati con domande infinite». A Davide dicevano quanto fosse «coraggioso» nell’aver salvato tutti quei bambini dalle loro famiglie: «Ma io non avevo salvato proprio nessuno. Mi sono sentito morire dentro». Il peso nel corso degli anni sulla coscienza di Davide è stato sempre più insostenibile. La madre adottiva lo aveva portato in cura dallo psicologo Claudio Foti a Bibbiano, un nome che tornerà centrale nell’inchiesta Angeli e Demoni: «Anche lui ha provato a farmi dire che avevo subito abusi – dice Davide – E di stare lontano dai giornalisti». Sua madre adottiva non gli ha mai creduto, nonostante Davide avesse negli anni sempre smentito gli abusi emersi dai colloqui fatti da bambino. Fino all’ultimo ricovero, chiesto da lui per qualche giorno nella speranza di farsi curare: «Ma invece mi hanno tenuto 41 giorni contro la mia volontà. Un avvocato mi ha aiutato a uscire».

Continua a leggere su Open

Leggi anche: