Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

M5s, la promessa di Conte dopo l’investitura: «Dateci fiducia alle elezioni e cambieremo la riforma Cartabia»

Il leader del Movimento: «La squadra arriverà a settembre. Con Di Maio nessun dualismo»

All’indomani del voto che lo ha fatto presidente del Movimento 5 Stelle (con il 92,8% delle preferenze), Giuseppe Conte inaugura la nuova l’investitura, «ottenuta da questa amplissima partecipazione degli iscritti», con una promessa: che non sarà utilizzata «a fini personali». «Voglio rafforzare le competenze trovate nel Movimento», dice. E in un’intervista a Il Fatto Quotidiano spiega che «la nuova squadra arriverà a settembre. Sarà la testimonianza di un grande rinnovamento, con l’inserimento di un centinaio di nuove figure». Quanto ai rapporti con Luigi di Maio, «nessun dualismo», assicura. «Nel M5s non ci saranno governisti e anti-governisti. Lavoreremo tutti per offrire leale collaborazione al governo di un Paese che deve ancora uscire dall’emergenza sanitaria».


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Giuseppe Conte (@giuseppeconte_ufficiale)


Conte contro la riforma Cartabia

Conte poi parla della riforma Cartabia. «Se i cittadini vogliono che la riforma Cartabia cambi, in caso di esiti insperati prima della fine del regime transitorio, ovvero del 2024, non dovranno che votarci in massa», dice. Sottolineando che le modifiche proposte dal Movimento «creano una cintura di protezione ai processi direi ben sufficiente». E poi aggiunge: «Per i processi contro la P.a. e per quelli per reati ambientali, così come per tutti, abbiamo un ampio regime transitorio fino a tutto il 2024, che ci consentirà, prudentemente, di monitorare l’impatto anno per anno dei nuovi provvedimenti, col vincolo, da parte del ministro della Giustizia, di intervenire coi necessari correttivi, qualora l’obiettivo di velocizzare i processi non venga raggiunto». Processi più brevi, promette Conte, «se ci darete fiducia e forza alle prossime elezioni politiche». Questa la richiesta-promessa di Conte. «In prossimità della scadenza del regime transitorio, vigileremo affinché la durata media dei processi sia davvero più breve, in modo che non siano a rischio di estinzione. Altrimenti interverremo coi correttivi necessari. I cittadini devono essere consapevoli: se voteranno il centrodestra rischiano modifiche nel senso di una maggiore impunità. Se voteranno M5S avranno la solida garanzia di rafforzare un attento guardiano della tenuta del sistema di giustizia penale».

Continua a leggere su Open

Leggi anche: