Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La foto-simbolo della fuga da Kabul: i 640 afghani evacuati con un C-17 dagli Usa

Si tratta del maggior numero di persone che ha volato su un aereo di quel tipo, che in teoria ne potrebbe trasportare al massimo 150

Una foto pubblicata da Defense One mostra l’evacuazione di 640 cittadini dell’Afghanistan da Kabul al Qatar con un C-17 Globemaster III dell’aeronautica statunitense domenica scorsa. Secondo il sito si tratta del maggior numero di persone mai volate su un C-17, che in teoria ne potrebbe trasportare al massimo 150. Per i software di monitoraggio dei voli l’aereo appartiene a 436th Air Wing e ha sede presso la Dover Air Force Base in Delaware. Il C-17 non voleva prendere in carico questo grande numero di afghani ma questi sono stati spinti all’interno della rampa di accesso aperta. Invece di obbligarli a scendere l’equipaggio ha deciso di partire. Il cargo ha come nome in codice Reach 871.


I circa 640 civili afghani sono scesi dall’aereo quando è arrivato alla sua destinazione in Qatar. La notizia dell’accaduto si è sparsa negli Stati Uniti domenica, quando le registrazioni audio dell’equipaggio stimavano il trasporto di circa 800 passeggeri in totale è stata messa on line. Un ufficiale della difesa, che ha parlato sotto condizione di anonimato, ha invece stimato in 640 i passeggeri del C-17. Il volo è uno dei tanti che è decollato con centinaia di persone a bordo e secondo alcun fonti alcuni di questi portavano a bordo più di 640 passeggeri. Nel 2013 un aereo dello stesso modello ha evacuato 670 persone in fuga da un tifone nelle Filippine. Gli afghani che hanno volato da Kabul alla base aerea di Al Udeid in Qatar sono rimasti seduti sul pavimento dell’aereo per tutta la tratta. Questo tipo di procedura si chiama “floor loading“: i passeggeri si agganciano alle cinghie di carico che vanno da parete a parete usandole come cinture di sicurezza di fortuna.


Intanto in serata il traffico aereo è stato ripristinato all’aeroporto di Kabul. Lo ha annunciato il generale Usa Hank Taylor dal Pentagono. La situazione allo scalo della Capitale, dove migliaia di persone avevano invaso le piste di decollo e atterraggio per cercare disperatamente di fuggire dal Paese dove i Talebani sono tornati al potere, era peggiorata al punto da far decidere la sospensione di tutti i voli oggi pomeriggio.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: