Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Altri guai neri per Meloni, a Roma eletto Nicola Franco, il candidato del saluto romano con i libri su Duce ed SS

Con il 61% delle preferenze, il candidato nel municipio delle “torri”, quello di Tor Bella Monaca, ha battuto la sfidante Francesca Filipponi

Nel VI Municipio di Roma sarà il centrodestra a governare la giunta di municipio per i prossimi cinque anni. Al ballottaggio delle ultime elezioni amministrative ha trionfato Nicola Franco. Con il 61% delle preferenze, il candidato nel municipio delle “torri”, quello di Tor Bella Monaca, ha battuto la sfidante Francesca Filipponi, del Movimento 5 Stelle, che è rimasta ferma al 38,99%. «Aspetto questo momento da 28 anni» ha commentato Franco, dopo il risultato elettorale. Già capogruppo uscente di Fratelli d’Italia, il neoeletto giorni fa era finito nella bufera per la diretta al consiglio municipale con alle spalle il libro su Mussolini e sulle SS. «Parliamo di un fatto che risale ad un anno fa, è una libreria con 500 testi tra i quali c’è anche Il Capitale di Marx, Engels, ho fatto vedere addirittura un libro di Liliana Segre» aveva commentato in un’intervista a Fanpage.it. E aveva aggiunto: «mi hanno scritto in molti anche di sinistra, dicendomi che a casa hanno il Mein Kampf e non per questo sono nazisti. Leggere un libro non significa condividerne quello che è contenuto al suo interno».


Il consigliere Nicola Franco in collegamento durante il consiglio municipale con alle spalle i libri in bella vista su SS e Benito Mussolini

Sul suo profilo Facebook compaiono post con la scritta a lutto “28 aprile 1945”, il giorno della morte di Mussolini; ci sono poi le citazioni del Duce e parole di elogio per il Ventennio. E una foto nella quale, insieme a un gruppo di amici, fa il saluto romano. Tutti particolari che Franco ha negato, dicendo: «Chi sta a sinistra deve studiare la Storia, perché se quello è un saluto romano a me viene da ridere. Sono foto del 2014, che mi sono messo una camicia nera o fatto il saluto romano non lo rinnego».


Continua a leggere su Open

Leggi anche: