Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Rapporti sessuali con lui per guarire dal papilloma virus, finisce in procura il video del ginecologo

Il filmato trasmesso dalla trasmissione tv “Le Iene”. Ora il medico rischia un provvedimento disciplinare oltre a un procedimento penale

Il ginecologo che prometteva di curare le pazienti con rapporti sessuali rischia un provvedimento disciplinare per violazione delle norme deontologiche oltre a un procedimento penale. Lo scrive oggi la Repubblica di Bari. L’uomo, infatti, è stato incastrato dal programma tv Le Iene che, martedì sera, ha trasmesso un servizio in cui si vede il ginecologo di 68 anni offrire alle sue pazienti rapporti sessuali come cura per il papilloma virus e come prevenzione al rischio dei tumori dell’utero. A denunciarlo in tv è stata una donna che non riusciva a rimanere incinta. Si è affidata a lui e, in cambio, ha ricevuto risposte agghiaccianti che, poi, l’hanno spinta a raccontare tutto al noto programma Mediaset. Ora le “terapie” del ginecologo sono finite in un fascicolo della procura di Bari che non ipotizza reati a carico del medico, il quale non è nemmeno indagato. Al momento, dunque, si tratta di un’indagine conoscitiva, con tanto di acquisizione del filmato trasmesso da Le Iene, per capire cosa è successo davvero.


Le “teorie” del ginecologo

Da una parte c’è l’Ordine dei medici che potrebbe convocarlo già nelle prossime ore, dall’altra c’è la Procura che, invece, potrebbe sentire le persone informate sui fatti, in primo luogo la donna che ha denunciato pubblicamente il caso. E c’è di più: secondo quanto trapelato dal servizio tv, il ginecologo avrebbe diagnosticato a pazienti sane il papilloma virus, spiegando poi che l’unico modo per prevenire il rischio di un tumore sarebbe stato quello di un rapporto sessuale completo e non protetto con un uomo «vaccinato». Solo in questo modo il corpo della donna, in realtà della vittima, sarebbe stato «immunizzato e bonificato». L’uomo ha sostenuto di aver “salvato” diverse donne dal cancro.


Foto in copertina da MEDIASET/LE IENE

Continua a leggere su Open

Leggi anche: