Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Al congresso della Lega in Puglia spunta Pippi Mellone: l’ultima svolta del sindaco di destra che piace a Emiliano

Dopo la riconferma a sindaco alle scorse comunali di Mellone, il leader del Carroccio aveva esultato: «Per me è una gioia aver vinto a Nardò»

Alle ultime elezioni comunali Giuseppe “Pippi” Mellone è stato riconfermato sindaco di Nardò, nel Leccese, con il 74% delle preferenze. E stamane, in prima fila all’assemblea della Lega Puglia, dov’era presente anche il segretario Matteo Salvini, era presente anche il primo cittadino di Nardò, da più parti ritenuto un esponente di estrema destra. Dopo la riconferma alla guida del comune pugliese, il leader del Carroccio, durante Porta a Porta, aveva apertamente esultato per la vittoria di Mellone: «Per me è una gioia aver vinto a Nardò». Ma a creare confusione e polemiche era stato l’endorsement ricevuto da Mellone anche dal dem Michele Emiliano, presidente della regione Puglia, innescando polemiche e cortocircuiti interni al Partito Democratico, che portarono all’autosospensione, in aperto dissenso contro Emiliano, del senatore pugliese Dario Stefano. Mellone ha sempre ripetuto di essere un «outsider» della politica, di non appartenere a nessuno schieramento e di essere riuscito a unire diverse liste civiche, indipendentemente dalla loro “posizione”, destra o sinistra che fosse.


Quest’ultima divisione, a suo dire, rappresenta una partizione «novecentesca» impiantata sugli «steccati ideologici del passato». Al contempo, però, tutt’oggi Mellone è noto per essere molto vicino agli ambienti di estrema destra, dato il suo passato in Azione giovani, passando per la scelta di denominare la sua lista elettorale «Andare Oltre», riprendendo il titolo del celebre articolo pubblicato sul quotidiano Linea nel marzo del 1979 dal segretario del Msi, nonché direttore della testata, Pino Rauti, oltre a essere stato “pizzicato” a fare il saluto romano ricordando il camerata Sergio Ramelli. Ma a Mellone sembra importare poco delle definizioni che arrivano dall’esterno. All’assemblea pugliese del Carroccio era presente anche l’ex sindaca di Lecce ed ex ministra dell’Agricoltura Adriana Poli Bortone (ex Msi, ex Alleanza Nazionale, ex Partito delle Libertà, ex FdI, e infine associata al Movimento Sociale Fiamma Tricolore) che dal palco, durante il suo breve intervento, per un breve intervento non ha risparmiato dure critiche al centrodestra pugliese.


Foto in copertina: ANSA

Leggi anche: