Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

L’appello dei giovani ucraini: «Aiutateci, difendete l’Europa» – Il video

La richiesta di aiuto, la paura, e in qualche caso la rassegnazione dei giovani ucraini sono nei tanti messaggi che molti hanno diffuso in rete. Abbiamo parlato con due di loro

L’entrata in Ucraina delle truppe russe all’alba di stamattina ha colto di sorpresa gran parte della popolazione, causando ansia e sconforto anche tra i più giovani. Putin ha detto giorni fa che il loro paese è un invenzione di Lenin, un paio di linee sulla carta geografica. Specie i ragazzi, però, si sentono a tutti gli effetti europei e nonostante il momento angosciante e le comunicazioni incerte, due di loro hanno raccontato ad Open come vivono queste ore. Ira ed Elizabeth si trovano in due parti del paese molto distanti tra loro. Ira, 26 anni, ha inviato la sua testimonianza da Nizhyn, circa 130 chilometri a nord-est di Kiev, mentre Elizabeth, 23 anni, ha comunicato la sua situazione via audio dal centro di Odessa, una delle città più colpite dagli attacchi russi.


Ira ha voluto lanciare un messaggio, chiedendo all’occidente: «Aiutateci, aiutate l’Ucraina, difendete, l’Europa». La ventiseienne ha ribadito che gli ucraini e le ucraine rimangono uniti e il loro esercito è pronto, ma che avranno bisogno di aiuto per vincere questa guerra. Elizabeth, invece, prima di ogni altra cosa chiede la pace, anche a costo di piegarsi alle volontà russe: «Se Putin arrivasse e mi dicesse che devo scegliere tra essere annessa alla Russia e la guerra, sarei la prima a mettersi in fila per essere annessa». Non si capisce «chi vuole questa guerra, eppure la guerra è già qui», ha commentato la ventitreenne dalla città sul Mar Nero tra le prime ad essere colpite durante l’incursione.


I tweet

In un clima molto diverso da quello delle ultime guerre, anche recenti, buona parte delle informazioni pratiche, oltre a quelle sull’andamento del conflitto, circolano in rete. Nel paese si teme che presto tutti canali di comunicazione con il mondo esterno verranno bloccati. Niente internet e cellulari, il che costringerebbe gli ucraini e le ucraine ad affidarsi solamente a televisione e radio. Per questo, da oggi circolano su Twitter liste di stazioni radio a cui affidarsi in caso di blocco degli altri canali.

https://twitter.com/aeternoria/status/1496766042747461635
Tweet che diffonde le frequenze delle stazioni radio

Ma Twitter, come un po’ tutti i canali social, è una fonte di informazione anche per tante indicazioni pratiche su come organizzare la vita in queste ore. Ad esempio, circolano consigli su come schermare le finestre per evitare che vengano frantumate dall’onda d’urto delle bombe.

https://twitter.com/dloriine/status/1496781704312365056
Il tweet spiega che mettendo il nastro adesivo sulle finestre come mostrato, in caso di rottura il vetro non si frantumerà cadendo al suolo, ma dovrebbe creparsi rimanendo attaccata alla cornice

Nozioni di sopravvivenza che si sommano a video e immagini dei danni causati dal conflitto e delle code di auto alle stazioni di servizio.

https://twitter.com/Oleksa_UA66/status/1496787283164352513

Leggi anche: