Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Un media diffonde la messinscena degli ucraini in fuga durante l’invasione russa? No, ed è un film del 2013

Un video del 2013 è stato diffuso nel corso dell’invasione russa dell’Ucraina per sostenere che le fughe dei cittadini ucraini siano solo messinscene

Circola un video con il quale si sostiene che delle scene di panico riprese in Ucraina siano in realtà delle messinscene, con tanto di telecamera e il classico «ciak si gira» con tutte le comparse che iniziano a correre senza nessun reale motivo. Insomma, per sostenere che ci sia un’invasione russa e la preoccupazione dei cittadini ucraini ci sarebbe bisogno di inscenare una folla che finge di essere spaventata.

Per chi ha fretta

  • Il video viene usato per sostenere che le scene riprese in Ucraina durante l’invasione russa siano false.
  • Il video risale al 2013 ed è stato realizzato a Birmingham, in Inghilterra.
  • Il presunto “media” che aveva diffuso il video era un account Twitter anonimo.

Analisi

Ecco la condivisione nella gruppo Facebook “Movimento non sono un covidiota” dove l’utente Mario scrive:

Laurent Geinoz

Dopo la manipolazione delle merde durante il Coronacircus , possiamo ancora fidarci di loro ?

Manipolazione dei media per far credere che i cattivi russi “attaccano” il popolo ucraino – Parte 1

1. “Il popolo ucraino indifeso”, titola questo mezzo, che mostra scene di panico con persone che gridano…

2. In realtà… una messa in scena…

Un film del 2013

Non si tratta di un video attuale e nemmeno ambientato in Ucraina. Risulta caricato nell’aprile 2013 dal canale YouTube di Richard Wood con il seguente titolo: «Kaleidoscope Man run for your life Birmingham» e la seguente descrizione:

Filming running crowd scene in Birmingham City centre for sci-fi feature film Kaleidoscope Man with Dir Simon Cox.

La scena è stata ripresa a Victoria Square, Birmingham, come possiamo notare grazie a Google Street View:

La fonte che ha fatto scattare la bufala

I post citano il nome «Laurent Geinoz». Si tratta di un utente Facebook, il quale non ha ottenuto molto seguito con il suo post pubblicato in lingua francese:

Apres la manipulation des merdias durant le CoronaCircus, pouvons-nous encore leur faire confiance ?!?

Manipulation des médias pour faire croire que les méchants Russes “attaquent” le peuple ukrainien – Partie 1

“Le peuple ukrainien sans défense”, titre ce média qui montre des scènes de panique avec des personnes qui crient…

En réalité… Une mise en scène…

Il “media” accusato (che non è un “media”)

Cercando «Le peuple ukrainien sans défense» via Facebook, riscontriamo un post della pagina “Les citoyens Eclairés” dove viene proposto anche il fantomatico “media” che avrebbe titolato il video.

Ecco lo screenshot del “media” che avrebbe titolato il video attribuito all’Ucraina (qui il tweet):

Si tratta di un tweet dell’account @mightyfarooz200, che non esiste più. Ci sono, però, le risposte degli altri utenti dove viene contestato. In quello pubblicato da Rasek (@rasekrasek) viene condiviso lo screenshot del profilo:

L’account era stato creato a febbraio 2022, si tratta di un account anonimo che, di fatto, ha cercato di ottenere un seguito durante il conflitto e l’invasione russa in Ucraina.

Conclusioni

Il video non mostra affatto una presunta messinscena dei cittadini ucraini in fuga durante l’invasione russa in Ucraina.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Leggi anche: