Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Napoli, spara a quattro ragazzi davanti a un bar: due sono gravi. Arrestato un 37enne già condannato per omicidio

Nel 2006, quando aveva 20 anni, l’uomo aveva ucciso suo suocero dopo una lite

Quattro ragazzi sono stati feriti in una sparatoria a Qualiano, in provincia di Napoli, dopo che un uomo ha sparato con una pistola rubata a una guardia giurata. Due ragazzi sarebbero feriti in modo grave. I carabinieri hanno arrestato Marco Bevilacqua, 37 anni, già noto alle forze dell’ordine, e stanno indagando sui motivi del gesto. I quattro ragazzi si trovavano davanti a un bar quando Bevilacqua ha iniziato a sparare con l’evidente intenzione di colpirli. Il sospetto degli inquirenti è che si sia trattato di una vendetta, dopo che nei giorni scorsi ci sarebbe stata una lite tra Bevilacqua e il gruppo di ragazzi. Bevilacqua avrebbe minacciato la guardia giurata con un coltello per farsi consegnare la pistola. Ha poi raggiunto il bar Nirvana Spritz su una bici elettrica, che ha poi usato per tentare la fuga dopo aver esploso diversi colpi.


Dei quattro ragazzi colpiti, due sono ricoverati con prognosi riservata. Secondo i medici sono in pericolo di vita. In ospedale è ancora sotto osservazione un terzo giovane che non sarebbe comunque ferito gravemente, mentre il quarto è stato medicato e già dimesso. L’uomo che ha sparato ha precedenti per droga, rapina ed estorsione. I carabinieri lo avevano già arrestato nel 2016 dopo un inseguimento di una decina di chilometri perché non si era fermato all’alt dei militari. Bevilacqua in quell’occasione guidava senza patente un’auto priva di assicurazione.


Il precedente

A quanto si apprende, nel 2006, quando aveva 20 anni, Bevilacqua fu arrestato per l’omicidio del suocero, avvenuto il 24 gennaio di quell’anno a Scafati (Salerno) dopo un litigio. Nel 2008, fu condannato in Appello a 14 anni e 4 mesi di reclusione. Bevilacqua ha trascorso alcuni anni in carcere prima di ritornare in libertà.

Leggi anche: