Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Tmz: «Anne Heche lotta tra la vita e la morte, ha una gravissima lesione cerebrale»

Secondo un suo portavoce i dottori non si aspettano che sopravviva. Partita la procedura per la donazione degli organi

L’attrice Anne Heche ha una «catastrofica» lesione cerebrale dopo l’incidente della settimana scorsa. E non ci si aspetta che sopravviva, secondo un suo portavoce citato dal sito Usa Tmz. In una dichiarazione rilasciata giovedì sera il portavoce dell’attrice ha detto a Tmz che quella di Heche è una grave lesione cerebrale anossica e l’attrice è in coma e in condizioni critiche: «Non ci aspettiamo che sopravviva». Il portavoce ha fatto sapere che è in programma un piano per la donazione degli organi: «Si tratta di una sua volontà e viene tenuta in vita per gli organi». La dichiarazione si conclude con i ringraziamenti al personale dell’ospedale West Hills in cui è in cura e il Grossman Burn Center dove è ricoverata.


Cocaina e fentanyl

Il sito statunitense fa sapere che secondo la polizia di Los Angeles un esame del sangue ha stabilito che l’attrice aveva assunto fentanyl e cocaina prima dell’incidente. Ma i test tossicologici, che possono richiedere settimane per essere completati, devono essere eseguiti per identificare più chiaramente i farmaci e per differenziarli da qualsiasi farmaco che potrebbe essere stato somministrato alla Heche per il trattamento in ospedale dopo l’incidente. Anne Heche è andata a schiantarsi con la sua Mini Cooper contro una casa provocando un incendio.


Heche è molto nota, soprattutto negli States, per aver recitato in Another World, così come in Psycho e in Sesso e Potere. L’ultimo film a cui ha partecipato risale all’anno scorso: 13 Minutes di Lindsay Gossling. «In questo momento è in condizioni estremamente critiche», aveva detto lunedì scorso il manager dell’attrice a Usa Today. Heche ha anche una lesione polmonare significativa che richiede ventilazione meccanica e ustioni che richiedono un intervento chirurgico.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: