Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

«Diamo uno stipendio e una pensione alle casalinghe»: lo spot del senatore Mallegni (Forza Italia) accende le polemiche – Il video

Dopo le critiche, il capolista al Senato in Toscana ha rimosso il filmato dai suoi profili social

«Occuparsi della famiglia 7 giorni su 7 non è un lavoro?», domanda il senatore di Forza Italia Massimo Mallegni in uno dei suoi spot elettorali. Il set è un appartamento come tanti altri. Una donna è intenta a passare l’aspirapolvere e un’altra a stirare i vestiti. «Dal 26 di settembre, se saremo al governo, approveremo una legge per dare uno stipendio e una pensione alle nostre mogli e alle nostre mamme», promette Mallegni. «Ricordatevelo». Dopo essere stato condiviso sui vari profili social del senatore e capolista in Toscana nel plurinominale al Senato, il video ha acceso il dibattito. «Bentornati nel Medioevo», scrive qualcuno. «Meravigliosi questi anni ’50», afferma qualcun altro. Il senatore decide così di rimuovere tutto. Le tracce però rimangono, anche sul suo sito personale dove il video è ancora reperibile cercando tra le pubblicazioni del 4 settembre.


Il senatore Mallegni ha provato anche a rispondere a chi ha ironizzato sul video. «Quindi le donne che lavorano fuori casa e si occupano anche della casa avranno un doppio stipendio o perlomeno doppi contributi, immagino», scrive Benedetta. «Carissima Benedetta, ciò che dici è sacrosanto», le risponde il senatore, «credo che le donne non siano libere quanto dovrebbero, non siano valutate quanto meritano e nel mondo maschile devono combattere come leonesse per ottenere ciò che spetta loro». «Il concetto di libertà per me è fondamentale non posso pensare che ancora oggi si ragioni in modo arcaico e maschilista», conclude.


«La pensione alle nostre mamme e alle nostre donne» rimane un punto fermo nelle promesse elettorali di Forza Italia. Lo stesso Silvio Berlusconi lo ha ribadito questa mattina su Canale 5: «Anche a loro daremo 1.000 euro di pensione, anche se non hanno pagato i contributi per pensare alla famiglia».

Continua a leggere su Open

Leggi anche: