Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Angelina Jolie contro Brad Pitt, nuovi dettagli nella deposizione al tribunale: «Ha preso per il collo mio figlio che aveva provato a difendermi»

Lo scontro che avvenne nel 2016 su un jet privato portò al divorzio della coppia. Oltre all’affidamento dei figli, le star si contendono l’azienda vinicola Château Miraval

La notizia secondo cui Angelina Jolie ha accusato Brad Pitt di averla picchiata e insultata era già nota da qualche mese. Ma oggi, dal documento depositato in tribunale dagli avvocati della star di Hollywood ci sono più dettagli sull’aggressione che l’attrice avrebbe subito nel 2016. A rivelarli è il New York Times. «Mi ha afferrato per la testa e mi ha scosso», ha raccontato Jolie, aggiungendo che le violenze avrebbero colpito anche i figli dell’ex coppia. L’alterco che sei anni fa sarebbe avvenuto a bordo di un jet privato sarebbe stato la goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso: pochi giorni dopo, arrivò la richiesta di divorzio. Tutto sarebbe iniziato quando Pitt accusò Jolie di essere «troppo accondiscendente» nei confronti dei loro figli, per poi iniziare a urlarle contro nel bagno del jet privato. Dopo aver afferrato e spinto l’ex moglie, Pitt avrebbe «preso a pugni il soffitto dell’aereo numerose volte, spingendo la Jolie a lasciare il bagno». Avrebbe inoltre preso per il collo uno dei loro bambini, quasi soffocandolo, perché aveva provato a intervenire in difesa della madre. Non solo percosse ma anche umiliazioni: dopo aver aggredito l’ex moglie e i bambini avrebbe «versato birra su di lei e vino rosso sui bambini».


La battaglia legale per l’azienda vinicola

Nella dichiarazione depositata in tribunale a Los Angeles, nell’ambito della battaglia legale che ha per oggetto l’azienda vinicola un tempo posseduta da entrambe le star di Hollywood, emerge anche un ulteriore dettaglio. Gli avvocati di Jolie hanno infatti menzionato una richiesta da parte di Pitt di firmare «un accordo di riservatezza che le avrebbe contrattualmente vietato di parlare al di fuori del tribunale degli abusi fisici ed emotivi di Pitt su di lei e sui loro figli». Questa sarebbe stata la condizione per acquistare la sua quota azionaria nella sopracitata azienda vinicola Château Miraval, acquistata dalla coppia più di dieci anni fa. Il contenzioso giuridico va ormai avanti da anni, basandosi su un botta e risposta di accuse tra gli ex coniugi. I legali di Pitt hanno quest’anno fatto causa a Jolie con l’accusa di aver violato i suoi “diritti contrattuali” quando ha venduto la sua metà dell’azienda a una filiale del Gruppo Stoli senza la sua approvazione. La controquerela della signora Jolie affermava, al contrario, che era stato il signor Pitt a ritirarsi dall’accordo dopo che lei aveva rifiutato di accettare la sua clausola di non divulgazione, costringendola a rivolgersi a un altro acquirente.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: