Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! In questo video Lorenzo Fontana non definiva «animali» i bambini non europei

Dopo alcune dichiarazioni riportate correttamente, il finale del video di Fontana è stato tagliato appositamente per attribuirgli una dichiarazione falsa

Con l’elezione del leghista Lorenzo Fontana a Presidente della Camera, sui social è iniziato a circolare un video che riprende alcune sue dichiarazioni del 2013 e del 2018 sul tema LGBTQ+ e sull’immigrazione. Sebbene alcune siano reali e contestualizzate, in un caso è stato fatto un “taglio chirurgico” tale da far credere che abbia definito con il termine «animali» i bambini non europei.

Per chi ha fretta

  • Circola un montaggio video dove vengono riportati due interventi di Lorenzo Fontana (Lega) del 2013 e del 2018.
  • Nella seconda parte del montato, Fontana pare definire con il termine «animali» i bambini non europei.
  • La seconda parte del montato è composta da due dichiarazioni diverse tratti dall’intero discorso di Fontana al congresso della Lega del 2018.
  • Nella seconda dichiarazione trattava il tema delle alleanze, contestando quella eventuale con Forza Italia e Berlusconi siccome pensavano al Partito Animalista e agli animali piuttosto che ai bambini europei.

Analisi

Circola un video contenente 2 interventi pubblici di Lorenzo Fontana, montati insieme per descrivere le sue posizioni in merito al tema LGBTQ+ e dell’immigrazione. Il montaggio viene accompagnato da commenti come quello riportato in diversi post Facebook:

Lorenzo Fontana è questo: un invasato che considera “schifezze” le coppie gay e “animali” i non europei.

Congratulazioni a tutti, cancellati 80 anni di lotte per uguaglianze, c’e solo da vergognarsi, MLK, e persone come lui, sono morte invano, questo è un paese che non ha decenza, dignità e memoria.

A diffondere il montato è stata anche l’ex Presidente della Camera Laura Boldrini (Edit – aggiornamento a fine articolo prima delle conclusioni):

Chi considera “schifezze” le coppie gay e definisce “animali” i bambini non europei, come fa a essere la terza carica dello Stato? #Meloni ha voluto l’elezione di un putiniano, estremista, in sfregio alla Costituzione antifascista e ai suoi principi di uguaglianza e inclusione.

Il primo intervento

La prima clip riguarda un intervento tenuto durante una manifestazione della Lega Nord a Gradisca nel 2013:

Cos’è questa integrazione? Cosa vogliono? C’è un progetto, attenzione che le cose non avvengono mai a caso! Noi in Europa ce ne siamo resi conto, è chiaro che in Europa vogliano distruggere le identità dei popoli per poterci dominare tutti quanti…

Non risultano tagli o manipolazioni che decontestualizzino il suo intervento. Ecco il video completo pubblicato sul canale Youtube del partito:

Il secondo intervento e il “taglio chirurgico”

La seconda clip riguarda il congresso della Lega del 2018. Ecco la trascrizione, dove indichiamo il punto dove si riscontra una interruzione nel video:

[…] e non che arrivino gli immigrati perché abbiamo il problema demografico. Noi vogliamo aiutare i popoli d’Europa ad avere più figli europei! È questo che vogliamo con la nostra Europa. Vogliamo un’Europa dove il matrimonio si ha fra una mamma e un papà, e i bambini vengano dati a una mamma e a un papà, le altre schifezze non le vogliamo neanche sentire nominare! [INTERRUZIONE] La priorità è che ci siano più bambini europei in Europa, non gli animali! Sveglia!

Della prima parte dell’intervento se ne era occupata Giornalettismo in un articolo dal titolo «Lorenzo Fontana ha definito schifezze i gay al congresso della Lega», ma senza parlare del presunto intervento dove definirebbe «animali» i bambini non europei. Questo perché manca una parte dell’intervento, deliberatamente tagliata per dare a quella dichiarazione tutt’altro senso. Nel video si nota un’interruzione, una specie di interferenza tra due interventi distinti di Fontana durante il congresso del suo partito. Abbiamo allungato questa interruzione, in modo tale che sia più visibile per la verifica:

Troviamo un video completo, pubblicato l’8 giugno 2018, con il quale possiamo notare a che cosa si riferiva Fontana:

Io non vedo una possibilità in Italia di allearsi con Forza Italia. Non la vedo soprattutto nel momento in cui sento, come ho sentito ieri, che Berlusconi… Berlusconi parla del Partito Animalista. Caro Silvio, la priorità in Europa e chi si sta estinguendo in Europa sono gli europei. Caro Silvio, sveglia! La priorità è che ci siano più bambini europei in Europa, non gli animali! Sveglia!

Lorenzo Fontana non definiva come «animali» i bambini non europei. L’inganno è stato possibile tagliando tutta una parte dell’intervento che forniva il contesto di tale parola, un discorso dove faceva riferimento alle alleanze e alla vicinanza di Forza Italia al Partito Animalista a lui non gradita.

Il probabile autore del montaggio

Nel video notiamo due elementi, un disegno e la firma «Darktiv». Riscontriamo un account chiamato TIV (@Darktiv) che il 14 ottobre pubblica il video montato di Lorenzo Fontana:

Il neo Presidente della #Camera Lorenzo #Fontana in quanto a urla, razzismo e xenofobia non sfigura davanti a Giorgia #Meloni #PoveraItalia

Aggiornamento ore 14:13

Laura Boldrini, a seguito del fact-check, ha rimosso il tweet contenente il video e pubblicato la seguente rettifica:

Un video in rete da me usato, risulta oggi montato in modo da generare confusione su una frase di #Fontana. Ho sempre fatto battaglie contro la disinformazione, mi dispiace per l’inconveniente. Il resto del video conferma il pensiero di Fontana e la mia opinione su di lui.

Conclusioni

Ci troviamo di fronte a un montaggio video dove vengono riportate le dichiarazioni del neo Presidente della Camera sui temi LGBTQ+ e dell’immigrazione. Nella seconda parte del video, vengono accostate in maniera strumentale due clip in modo tale da far definire «animali» i bambini non europei da parte di Fontana.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: