Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Monopoli, suicida una ragazzina di 13 anni: «Gli amici l’avevano esclusa dalla chat e dalle uscite»

Il sindaco proclama il lutto cittadino. Una mamma: era solo una bambina, controllate i cellulari dei vostri figli

Una ragazzina di 13 anni si è tolta la vita mentre era sola in casa a Monopoli nel tardo pomeriggio di domenica. È stata ritrovata dalla mamma nel bagno. La ragazzina non ha lasciato alcun messaggio. Gli inquirenti hanno setacciato il suo smartphone per cercare di comprendere le possibili cause del gesto, anche dai messaggi su WhatsApp. E, scrive il Corriere della Sera, i carabinieri indagano sull’ipotesi che la giovane si sia tolta la vita perché esclusa da un’uscita serale con gli amici e dalla chat comune. Della quale facevano parte anche due dodicenni. Il quotidiano racconta oggi che la procura di Bari non ha ancora aperto un fascicolo sulla vicenda. Ma pare che sia stata proprio la circostanza dell’esclusione a determinare la volontà di togliersi la vita da parte della ragazzina. Intanto il sindaco di Monopoli Angelo Annese ha proclamato per oggi il lutto cittadino: «Non possiamo fare finta di nulla perché con la perdita» della ragazzina «abbiamo perso tutti». E una mamma su Facebook scrive: «È un giorno triste, abbiamo fallito tutti. Consideriamo i nostri figli forti abbastanza da resistere agli attacchi di una società malata, ma non dobbiamo fare questo errore. I nostri bambini sono fragili perché a 13 anni lei era solo una bambina. Dai suoi amici voleva solo amicizia e non essere emarginata. Genitori controllate sempre e dico sempre, le amicizie e i cellulari dei vostri figli».


Continua a leggere su Open


Leggi anche: