Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Napoli, appena finito ai domiciliari evade e chiama i carabinieri: «Nessuno mi può arrestare!». Finisce in carcere

Francesco Palma, 45enne con precedenti penali, ha prima provocato i militari di Giugliano e poi tentato la fuga. Al momento si trova in carcere con l’accusa di evasione

Assomiglia a una storia di inseguimenti tra guardie e ladri l’arresto di Francesco Palma, un 45enne pregiudicato del napoletano che nel giro di poche ore è riuscito a farsi arrestare due volte dai carabinieri. La sua “performance” inizia davanti alla stazione dei militari di Giugliano, in provincia di Napoli. Palma parcheggia la sua auto davanti al cancello della stazione, impendendo ai carabinieri di entrare e uscire. Inutili le strombazzate di clacson degli agenti delle forze dell’ordine: Palma rimane seduto dentro l’abitocolo e non accenna a spostare l’auto. Quando le richieste dei carabinieri si fanno più insistenti, l’uomo ingrana la retromarcia e urta contro l’auto di un carabiniere, che rimane leggermente ferito. A quel punto, Palma viene arrestato e sottoposto ai domiciliari. La sua “sfida” nei confronti delle forze dell’ordine, però, è solo all’inizio. A qualche ora dal suo arresto, l’uomo evade dai domiciliari, raggiunge una tabaccheria di Giugliano e telefona proprio ai carabinieri: «Nessuno può arrestare Francesco Palma!», grida il 45enne dalla cornetta. La sua fuga, però, ha durata breve. L’uomo viene rintracciato nel giro di pochi minuti e arrestato per la seconda volta. Attualmente si trova in carcere con l’accusa di evasione ed è in attesa di essere giudicato.


Continua a leggere su Open


Leggi anche: