Questo tweet che parla di frode alle elezioni americane non è stato fatto dalla cognata di Biden: l’account è un fake

La vera Hallie non ha alcun profilo Twitter, fanno sapere dalla fondazione per cui lavora

Non è una novità che i sostenitori di Donald Trump provino a delegittimare il risultato delle elezioni che lo hanno visto sconfitto da Joe Biden. Quel che di volta in volta sorprende è la fantasia che usano per alimentare la loro narrazione. Tra false dichiarazioni e furti di identità, anche stavolta hanno provato a rivendicare il risultato mai raggiunto, chiamando in causa persino una parente dell’attuale presidente Usa.

Per chi ha fretta:

  • Circolano sui social gli screenshot di alcuni tweet attribuiti alla nuora di Joe Biden, Hallie
  • I contenuti dei messaggi ricalcano la narrazione della destra americana e denunciano frodi nelle ultime elezioni
  • L’account però risulta un fake, ed è stato attualmente sospeso: la vera Hallie non ha alcun profilo Twitter, fanno sapere dalla fondazione per cui lavora

Analisi

«Il presidente Trump ha vinto quelle elezioni e tutta la mia famiglia lo sa»: questo è quello che si legge nel testo di un tweet screenshottato e diffuso sui social. La presunta autrice del post, da quello che desumiamo vedendo il nome utente, sarebbe Hallie Biden (vedova di Beau, uno dei figli del leader statunitense). Il suo presunto endorsement al leader repubblicano è stato accolto con entusiasmo e sprezzante ironia dai sostenitori del tycoon. «È la vedova di Joe Biden e cognata di Rimbambiden. Nel tweet, dice a fine Agosto che Trump ha vinto le elezioni e che tutta la famiglia Biden lo sa… Il suo account Twitter è stato sospeso!», si legge ad esempio in questo post.

Gli utenti di TikTok e Facebook hanno condiviso anche altri screenshot di post provenienti dal presunto account, alcuni dei quali includono affermazioni infondate sugli abusi sessuali e sulla legittimità delle elezioni presidenziali statunitensi del 2020. Altri menzionano l’altro figlio di Joe Biden, Hunter, che è uscito con Hallie dopo la morte di Beau per cancro al cervello nel 2015. Peccato che a prendere le distanze da quanto scritto sul web sia stata la stessa Hallie. In un’e-mail al sito Afp, infatti, un portavoce della Beau Biden Foundation, il cui consiglio è presieduto da Hallie Biden, ha detto che la pagina mostrata online non le appartiene. Non solo il profilo mostrato non farebbe capo a lei, ma Hallie non avrebbe proprio un account Twitter: «Qualsiasi account che porta il suo nome è fraudolento», è la conclusione dell’e-mail.

Se oggi cercassimo il profilo dei tweet sopracitati, registrato sul social con il nickname di @HallieBiden, notiamo che è stato attivo fino al 29 agosto 2022. Era stato creato nello stesso mese, non aveva il badge blu tipico dei profili verificati che fanno capo ai personaggi pubblici, e in meno di trenta giorni aveva attirato quasi 20mila followers. Le versioni archiviate dell’account mostrano che ha pubblicato numerose affermazioni false e non verificate sulle frodi alle elezioni, sui presidenti Biden e Obama e sulle loro famiglie. Successivamente lo hanno sospeso per aver violato le regole della piattaforma, che vietano il furto d’identità. Sebbene il presunto post risalga a quest’estate, è tornato a far discutere non solo per i pomposi annunci di Twitter riguardo le intenzioni della piattaforma a voler rimuovere gli account falsi dopo l’avvento di Elon Musk.

Conclusioni

Il tweet che circola attribuito alla nuora di Joe Biden, Hallie, è falso. La donna non ha nessun profilo Twitter, e il portavoce della fondazione di cui presiede il consiglio ha affermato che «Qualsiasi account che porta il suo nome è da ritenersi fraudolento».

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: