L’appello del leader ceceno Ramzan Kadyrov ai musulmani: «Uniamoci contro la Nato»

Il fedelissimo di Putin ha pubblicato il messaggio in lingua cinese sul suo canale Telegram

Un invito ai musulmani di tutto il mondo a unire gli sforzi contro «il nemico comune»: la Nato. È quello che si legge nel messaggio del leader ceceno Ramzan Kadyrov, postato su Telegram in queste ore e in lingua cinese. «L’Alleanza Nord Atlantica minaccia l’esistenza del mondo intero. Ma la Russia, contrariamente a tutte le previsioni dell’Occidente, ha sfidato questo male e si sta avviando con fiducia verso la vittoria», si legge. «Negli ultimi 100 anni, gli Stati Uniti e l’Europa hanno organizzato decine di guerre, colpi di stato militari e invasioni. Milioni di civili sono diventati le loro vittime. E ora la minaccia ancora più grande è quella di distruggere tutti i valori morali. Vogliono trasformarci in animali facilmente manipolabili», scrive il fedelissimo del presidente russo, Vladimir Putin, secondo cui l’intero mondo islamico «e tutte le persone sane di mente» dovrebbero unirsi per combattere «il nostro comune nemico!». E poi ancora: «I loro soldi e le loro armi non sono niente in confronto alla nostra unità, volontà e fede nel nostro Creatore!». Per Kadyrov i Paesi non dovrebbero lasciare che sia la Nato «dettare le regole» perché – si legge – «presto verranno a calpestare la vostra patria!». Il leader ceceno era tornato a far parlare di sé dopo l’indiscrezione di pochi giorni fa del Wall Street Journal, secondo cui il presidente russo Vladimir Putin avrebbe ordinato al leader ceceno Ramzan Kadyrov di occupare la sede del governo di Kiev e di assassinare il presidente Zelensky. Secondo quanto riferito dai funzionari ucraini, infatti, Kadyrov sarebbe stato convocato dal Cremlino tre settimane prima dell’inizio del conflitto, lo scorso 24 febbraio, per «studiare una strategia» per uccidere il presidente ucraino.


Telegram/Kadyrov | Il messaggio del leader ceceno in lingua cinese pubblicato su Telegram

Continua a leggere su Open


Leggi anche: