Roma, Ciro Immobile dai vigili urbani dopo l’incidente con il tram: «Sono passato con il verde, non ero distratto»

Il centravanti della Lazio e della Nazionale conferma la propria versione: «Se non fossi stato attento non sarei riuscito a frenare e a sterzare, e le conseguenze sarebbero state peggiori»

Ciro Immobile non cambia la propria versione dei fatti sull’incidente tra un tram a Roma e l’auto su cui viaggiava il centravanti della Lazio. Nella giornata di ieri, 27 aprile, il giocatore si è presentato dalla Polizia Municipale del gruppo Prati e ha confermato la propria versione sullo scontro avvenuto domenica 16 aprile in piazza Matteotti a Roma, quando Immobile, alla guida del suo Suv Land Rover, è finito contro un tram, provocando il ferimento di 12 persone, tra cui il giocatore stesso, le sue due figlie di 10 e 8 anni e l’autista del tram. «Sono passato col verde, se fossi stato distratto non avrei potuto sterzare frenando immediatamente a sinistra, e le conseguenze sarebbero state peggiori», avrebbe ribadito Immobile ai vigili della polizia municipale della Capitale. L’attaccante della Lazio e della Nazionale, secondo quanto riportato da Repubblica, accompagnato dal suo legale Edis Doraci, sarebbe rimasto in caserma circa 10 minuti, ribadendo di essere sicuro di essere passato con il semaforo verde. L’avvocato del centravanti della Lazio si dice ottimista sul caso, certo che si chiuderà presto: «Le autorità hanno sentito tutte le parti, mi auguro che adesso la faccenda possa definirsi e riassumersi per quello che è, una questione da risolvere per fini assicurativi». Una versione che è in contrasto con quanto riferito dall’autista del tram 19, che sostiene – anche lui – di essere passato con il semaforo verde, e che l’auto di Immobile viaggiasse «a grande velocità». Nel frattempo proseguono le indagini per ricostruire quanto accaduto, e la prossima settimana verranno ascoltati i passeggeri che si trovavano sul tram 19 al momento dell’incidente. È stata inoltre disposta una perizia su entrambi i veicoli per capire la portata dell’impatto tra i due mezzi.


Continua a leggere su Open


Leggi anche: