Caro affitti, l’insegnante costretto a fare 5 ore al giorno di auto per raggiungere la scuola di Cortina

Un pendolarismo forzato, a fronte di uno stipendio di circa 1.650 che non consente al docente di prendere una casa nel Comune dove lavora

Ivano Apisa, 49 anni, è un insegnante. All’inizio di quest’anno scolastico, ha ottenuto una cattedra in una scuola media di Cortina. Originario di Marcon, nel Veneziano, ha cercato subito una casa da prendere in affitto nel comune alpino. I prezzi delle abitazioni ampezzane, tuttavia, si sono dimostrati proibitivi. «Non potevo permettermi di spendere 1.200-1.500 euro al mese a fronte di una busta paga di circa 1.650», ha dichiarato al Corriere del Veneto. Per un mese, è stato costretto a un pendolarismo esasperato: cinque ore di auto al giorno – da Marcon a Cortina – per poter andare a insegnare ai suoi ragazzi. Dopo un mese di viaggi, Apisa è riuscito a trovare una camera a Calalzo, che dista 45 minuti da Cortina. «Certo, ora chiudo il mese a zero, ma a novembre ci ho rimesso soldi, tra benzina e pedaggi». E l’odissea non è terminata: il docente, il prossimo 15 giugno, dovrà lasciare l’alloggio, che sarà messo sul mercato degli affitti per uso turistico. «Senza una soluzione dovrò chiedere di tornare a Marcon, nuovamente da supplente – ha concluso -. E mi dispiacerebbe molto lasciare i miei ragazzi».


Facebook | Ivano Apisa, insegnante di 49 anni

Leggi anche: