Grosseto, neonato morto sulla nave da crociera: fermata la madre per omicidio

Una donna di 28 anni, originaria delle Filippine e membro dell’equipaggio, è accusata di aver ucciso il figlio nato due giorni prima a bordo dell’imbarcazione

È in stato di fermo per omicidio volontario una donna di 28 anni che secondo la procura di Grosseto ha ucciso il figlio nato appena due giorni prima sulla nave da crociera Silver Whisper con bandiera delle Bahamas. I carabinieri sono saliti a bordo della nave, sulla quale la donna di origini filippine lavorava come membro dell’equipaggio, su segnalazione di alcuni colleghi della 28enne che hanno raccontato di aver sentito per diverse ore dei vagiti provenire dalla cabina e poi più nulla. I militari hanno raggiunto l’imbarcazione, che in quel momento si trovava al largo dell’Argentario, con una motovedetta. Secondo una prima ricostruzione, la donna avrebbe tenuto nascosta la gravidanza fino al momento del parto, tra giovedì e venerdì scorso. Per i successivi due giorni lo avrebbe quindi lasciato da solo all’interno della cabina, una stanzetta di tre metri per due, senza latte e senza un controllo medico. Il corpo senza vita del piccolo è stato ritrovato nella cabina che la 28enne condivideva con altri addetti del personale. I militari hanno perquisito tutti i locali della nave e la stanza dove alloggiava la donna, hanno svolto dei rilievi fotografici e ascoltato il personale di bordo. L’indagata era in stato confusionale quando l’hanno raggiunta gli investigatori, ed è stata trasferita al pronto soccorso di Grosseto. La Procura potrebbe disporre l’autopsia sul corpo del neonato per individuare le cause della morte. Secondo una prima analisi esterna del medico legale, il neonato non sarebbe stato soffocato. Dopo l’ispezione dei carabinieri, la nave ha ripreso la navigazione.


Foto di repertorio: Lucamato su Dreamstime.com | Nave da crociera Celebrity Beyond al’uscita dal porto di Napoli, 15 maggio 2022


Leggi anche: