Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

L’affannoso cambiamento della manovra del cambiamento

di OPEN

C'era qualcosa di surreale nella scena della manovra passata tra le proteste e i cori nel pieno della notte al Senato. Quel maxiemendamento, votato praticamente a scatola chiusa e col vincolo della fiducia, era spuntato fuori solo nel tardo pomeriggio dopo che era stato dato per prossimo all'approdo in commissione bilancio e poi nell'aula per giorni e giorni. Ma con una rapida scorsa era impossibile anche per i commentatori più benevoli non vedere che la manovra era diventata un'altra, che era stata modificata nei numeri fino all'ultimo, e proprio sulla scia delle indicazioni della Commissione Europea.


 


Ecco, quell'invincibile armata che si era presentata poche settimane fa davanti ai giornalisti e all'opinione pubblica giurando che quel 2,4% non sarebbe stato intaccato neanche di un millesimo, e sfottendo i membri della commissione, dal Presidente ubriacone al commissario anti-italiano, alla fine si è piegata alle dure leggi della convivenza europea. Perché questa ingloriosa ritirata? Perché nessun altro governo dell'Unione, dagli ipereuropeisti francesi ai supersovranisti ungheresi, aveva dato sponda alla pretesa italiana.

 

Anzi, tutti i nostri partner si erano pronunciati a favore dell'apertura di una procedura di infrazione che ci avrebbe creato guai a cascata. Quindi, via all'operazione illusionista del 2,4 che diventa 2,04 (introducendo un nuovo concetto: zero vale zero). E soprattutto via alla corsa contro il tempo per riscrivere il tutto in forma ridotta, salvando il salvabile e quanto si poteva delle due misure cardine, reddito e quota 100. Il resto è cronaca, il torneo verbale del Senato, le occupazioni simboliche dell'aula e il voto finale.

 

Se un simile spettacolo inglorioso fosse stato messo in scena dalla maggioranza dell'anno scorso, 5stelle e Lega oggi avrebbero sparato a palle incatenate dalle piazze contro un governo protervo e incapace, che prima fa lo sgarro e poi si fa dettare la manovra da Bruxelles. Invece succede ora, e la principale forza di opposizione – causa prima del successo elettorale dei suoi avversari – ha perso da tempo ogni contatto con le piazze, escluse quelle all'interno dei varchi d'accesso, dove abita il suo restante elettorato. E il principale elemento di consenso per l'attuale maggioranza – fragile nei contenuti e forte nel sostegno popolare – è proprio l'assenza di alternative, per il ricordo del passato recente.