Calcio e violenza, Salvini: “Chiudere gli stadi è sbagliato”

di OPEN

Il vicepremier: “Così si condannano i tifosi veri, milioni di persone che vanno confuse con pochi delinquenti che girano con il coltello in tasca”

“È la risposta sbagliata”. Questa la reazione del vicepremier Matteo Salvini alla decisione del giudice sportivo che ha disposto due giornate a porte chiuse per l’Inter e il divieto di trasferta per i tifosi nerazzurri.

Nonostante il ministro dell’Interno l’abbia definita una “partita di calcio trasformatasi in un far west”, a suo vedere chiudere gli stadi e vietare le trasferte significherebbe condannare i tifosi veri, milioni di persone che hanno diritto a seguire la propria squadra. Persone che non vanno confuse con pochi delinquenti che girano con il coltello in tasca”.

Leggi anche