Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Manovra, sì della Camera alla fiducia. Oggi il voto finale

Tre fiducie poste sulla manovra, tre fiducie incassate. L’ultima dell’anno alla Camera dove i voti favorevoli sono stati 327 e quelli contrari 228 (un astenuto). Il percorso travagliato della legge di Bilancio 2019, approvata a Montecitorio l’8 dicembre scorso poi modificata al Senato il 23 dicembre attraverso il maxi-emendamento si avvia alla conclusione con il voto finale previsto per oggi pomeriggio. Ieri, ancora momenti di tensione in aula con i parlamentari del Pd che hanno accusato il presidente della Camera Fico di scarsa imparzialità nella gestione del dibattito parlamentare. Mentre i deputati di Forza Italia hanno indossato in aula delle pettorine azzurre con la scritta “Basta tasse!”: un flash-mob che sarà replicato a gennaio con manifestazioni contro il governo, come ha annunciato Silvio Berlusconi con un comunicato stampa. Ma la manovra non è ancora legge: i parlamentari dovranno finire di votare gli oltre 200 ordini del giorno al testo. Uno strumento utile per le opposizioni per provare a prolungare le votazioni in aula, con la tecnica dell’ostruzionismo. Il governo è convinto di arrivare al voto finale entro il 30 dicembre.


Cosa è successo ieri in aula

ore 00.05 – Il presidente della Camera Fico sospende la seduta, che riprenderà domani.


ore 23.16 – Cori di “no” quando Ettore Rosato (Pd) sostiene che l’opposizione non stia facendo ostruzionismo. “Volete vedere l’ostruzionismo?”, dice con tono di sfida. La votazione è arrivata (solo) all’articolo 14.

ore 22.55 – Fiano(Pd) torna sulla polemica della “scarsa imparzialità” del presidente della Camera Fico poco prima del voto di fiducia sulla legge di Bilancio. “Le parole della sua collega del Movimento 5 Stelle, che sostiene che abbiamo favorito i truffatori, sono ammissibili secondo lei?”. “Non ho ancora controllato il resoconto stenografico”, ha risposto Fico.

ore 22.35 – Sui banchi dei parlamentari, quasi tutti hanno aperto il testo della legge di Bilancio e guardano il cellulare mentre prosegue l’ostruzionismo delle opposizioni. Laura Boldrini (Liberi e Uguali): “Torno sui tagli all’editoria e a quello che sta succedendo a Radio Radicale. Ai tempi del sovranismo, evidentemente questo non interessa”, mentre per Nicola Fratoianni (Liberi e Uguali) questo governo ha “paura delle parole”.

ore 22.20 – Si parla di tagli alla cultura e all’editoria. Luigi Casciello (Forza Italia) domanda al governo perché “voglia tagliare i fondi ai giornali” e chiede conto al vice-premier Di Maio (presente in aula) della sua iscrizione all’ordine dei giornalisti della Campania come giornalista pubblicista. Ivan Scalfarotto (Pd) interviene a difesa di Radio Radicale e attacca duramente il governo: “E’ in atto una smantellamento della democrazia”.

ore 22.00 – Continuano gli interventi dell’opposizione, talvolta anche ironici. “Forse avete pensato di dare ai poveri brioche e tartufi”, dice Maria Chiara Gadda (Pd) riferendosi al dimezzamento dell’Iva sul tartufo, che nella manovra passa dal 10 a 5%.

ore 21.35 – Il premier Conte, uscendo dall’aula dice ai giornalisti che tornerà domani per il voto finale. I banchi dei sottosegretari sono al completo, per questo alcuni di loro (come Guidesi e Castelli) sono seduti con il proprio gruppo parlamentare.Prima della votazione sull’articolo 8, interviene Anna Ascani (Pd): “Questo governo sta tagliando sulla scuola, come la peggiore destra”.

ore 21.20 – Riprende la seduta, con la votazione dei 244 ordini del giorno presentati: dovrebbero essere votazioni piuttosto rapide, ognuna delle quali preceduta da interventi brevi. Tre i ministri presenti: Fontana, Di Maio e Bonafede. Mentre fuori dall’aula il ministro dell’Economia Tria, dopo la fiducia incassata dal governo ha detto ai giornalisti: “Si, siamo soddisfatti”.

ore 20.58 – Il governo incassa la fiducia sulla manovra: i voti favorevoli sono 327, i contrari 228 e un solo astenuto. La seduta è stata momentaneamente sospesa, in attesa di iniziare l’esame dei 244 ordini del giorno presentati al testo.

ore 19.19 – Iniziato l’appello nominale dei deputati per il voto di fiducia sulla legge di Bilancio. Si parte dalla lettera “c”.

ore 19.08 – L’on Brunetta (Forza Italia) si rivolge a Conte: “Lei non è un’economista e non è tenuto a saperlo. Le spiego cos’è la pressione fiscale”. Poi lo invita a rettificare quanto detto ieri in conferenza stampa (“Con questa manovra la pressione fiscale non aumenta”).

ore 18.48 – Ultimi interventi a titolo personale, sul voto di fiducia prima della ‘chiama’. Il ministro Tria è uscito dall’aula, il vice-premier Di Maio parla al telefono (con la mano davanti alla bocca probabilmente come difesa dai teleobiettivi di fotografi e operatori video) mentre il premier Conte legge alcuni documenti.

ore 18.40 – Mentre Giachetti (Pd) ribadisce le accuse fatte da Fiano (Pd) verso il presidente della Camera, vicino all’uscita dell’aula l’ex segretario del Pd Pierluigi Bersani (ora Articolo1 – Mdp) parla con Lorenzo Guerini (Pd). “Non mi pare che il soggetto (il Pd, ndr) sia stato nominato durante il discorso. Ma potrei sbagliarmi e riguarderò l’intervento stenografico”, ha aggiunto Fico tornando sulla polemica sulla sua scarsa imparzialità.

ore 18.35 – Fiano (Pd) critica il presidente della Camera Fico per la gestione del dibattito, accusandolo di scarsa imparzialità: “La deputata del suo partito ci ha accusato di essere truffatori e lei non l’ha fermata”. Fico ha risposto: “Io qui censuro tutti allo stesso modo”.

ore 18.31 – Iniziano gli interventi dei deputati a titolo personale. Giorgio Trizzino (M5S) ringrazia il presidente della Camera Fico (M5S) per la gestione dell’aula parlamentare in questi giorni.

ore 18.31Vittorio Sgarbi cita Norberto Bobbio: “Non c’è politica senza cultura” e critica “i tagli alla cultura in questa manovra”.

ore 18.29 – I deputati del Pd urlano ironicamente “bis” al termine dell’intervento della deputata del Movimento 5 Stelle che conclude dicendo “noi rispondiamo solo al popolo”.

ore 18.21 – Cori contrapposti tra gli esponenti Pd e M5Sche siedono dalla stessa parte dell’emiciclo. “Cosa ci dite di Roma?”, urla la deputata Paita. Il presidente della Camera richiama anche Fiano.

ore 18.16 – Riprende la seduta. Teresa Manzo, del Movimento 5 Stelle, fa i complimenti al capogruppo pentastellatoper la nascita della figlia ‘Camilla’. “Vediamo in tv e sui giornali il pullularsidi esperti ed economisti che criticano questa manovra, ma dove eravate quando truffate i risparmiatori?” dice rivolgendosi ai colleghi del Pd che governavano durante la scorsa legislatura. Protesta di deputati del Partito Democratico dopo queste parole: “Vergogna, vergogna!”, hanno urlato.

ore 18.10 – Seduta sospesa dopo il flash-mob in aula degli esponenti di Forza Italia.

ore 18.09 – I deputati di Forza Italia hanno indossato una pettorina blu con la scritta “Basta tasse” e “Giu le mani dal no-profit” e sono scesi, a favore dei fotografi, verso i banchi del governo. Poco dopo, con un comunicato stampa, Berlusconi ha annunciato “la protesta dei gilet-azzurri” a gennaio in diverse piazze italiane contro il governo.

ore 18.00 – Inizianole dichiarazioni di voto della maggioranza. Maura Tomasi, deputata della Lega, ringrazia il suo capogruppo (Molinari, ndr) per “averla fatta intervenire in aula, al suo posto”.

ore 17.53 – Roberto Fico entra in aula e prende il posto del vice-presidente Rampelli che lo stava sostituendo. Il commesso della Camera gira il cuscino della seduta, e il presidente della Camera si accomoda.

ore 17.49 – Per Graziano Delrio (Pd) uno dei momenti “più tristi” dei lavori parlamentari è stato quando un deputato pentastellatoha detto in aula che “abbiamo discusso la legge di Bilancio”. Applausi dal suo gruppo parlamentare, quando interviene in difesa dei pensionati.

ore 17.39 – Entra in aula il vice-premier Di Maio, e si siede accanto al premier Conte e al ministro dell’Economia Tria (il primo ad arrivare tra i banchi del governo in apertura di seduta).

ore 17.38 – Intervento ‘originale’ nella ricerca del lessico, di Giorgio Mulé (Forza Italia): “La Lega è vittima delle sirene dei 5 Stelle”. Il deputato definisce poi la legge di bilancio una “manovra dello sbandamento” e usa termini come trenini, samba e burattini.

ore 17.30 – Poco silenzio in aula durante l’intervento dell’on. Guido Crosetto (Fratelli d’Italia). Molti parlamentari guardano il cellulare o parlano tra di loro. “Sono stato in Puglia, molti si aspettano il reddito di cittadinanza – dice Crosetto- come farete a garantirlo a tutti quelli che se lo aspettano?

ore 17.20 – Il primo deputato a intervenire è Alessandro Fusacchia (+Europa – gruppo misto). Annuncia il voto contrario alla fiducia al governo e la non partecipazione al voto di +Europa domani. Al Senato, era stata Emma Bonino ad annunciare l’intenzione di non partecipare al voto e a parlare di “emergenza democratica” per l’iter “forzato” usato dal governo per la manovra.

ore 17.15 – Dichiarazioni di voto in corso. Iniziano a parlare i rappresentanti delle minoranze linguistiche. La prima chiama (cioè il voto con appello nominale per ogni parlamentare) è prevista per le 18,30.