La bufala dei 16 mila euro mensili pagati a Cesare Battisti dai governi di sinistra

di David Puente
La bufala dei 16 mila euro mensili pagati a Cesare Battisti dai governi di sinistra

Una bufala che nasce a settembre durante la fuga di Cesare Battisti, dove però non si parla di Italia. In questi giorni è arrivata da noi, modificata.

Il 17 gennaio alcuni utenti Facebook avevano condiviso un post dove si sostiene che Cesare Battisti riceveva 16 mila euro al mese come rifugiato politico, ma soprattutto "pagati dai governi italiani di sinistra":

 

IN BRASILE BATTISTI AVEVA 31.000 REAL (16000€) MENSILI COME RIFUGIATO POLITICO PAGATI DAI GOVERNI ITALIANI DI SINISTRA! #E_IO_PAGO

Lo stesso messaggio era apparso su Twitter, mentre su Facebook si sostiene che la fonte sia una notizia pubblicata sul Jornal do Brasil, qualcuno dice addirittura un'intervista rilasciata al giornale dall'ex presidente Temer. Ad oggi, sul sito brasiliano non c'è alcuna notizia in cui venga riportata tale informazione e nessun utente ha fornito un link valido.

La bufala dei 16 mila euro mensili pagati a Cesare Battisti dai governi di sinistra foto 1

La bufala in italiano su Facebook.

 

La bufala parte da lontano. Nella pagina Facebook di "Marcos souza" troviamo un post del 17 dicembre 2018 dove non vengono citati i governi italiani di sinistra:

BRASIL O PARAÍSO PARA OS TERRORISTAS 
Aos desavisados o Sr. Cesare Batista recebe mensalmente uma Pensão de Perseguido Politico concedido pela Comissão da Verdade, ou seja ele por ser militante de 70 na Itália recebeu uma pensão no Brasil. É para acabar ! R$ 31.845,00 trinta e hum mil reais. 
ENQUANTO ISTO UM SOLDADO DE 64 RECEBE R$ 2.876,00 .

La bufala dei 16 mila euro mensili pagati a Cesare Battisti dai governi di sinistra foto 3

La bufala su Twitter.

Nel post viene citata la cifra dei 31 mila real (che non sono 16 mila euro, al cambio attuale sarebbero circa 7 mila), ma questi sarebbero erogati in quanto "perseguitato politico" attraverso la "Commissione della Verità" brasiliana e non dall'Italia. Risulta assurdo, infatti, che in tutti questi anni nessuna forza politica del nostro Paese si sia resa conto del presunto "reddito di delinquenza" per Cesare Battisti, ma anche il post del brasiliano è a sua volta una bufala.

La bufala dei 16 mila euro mensili pagati a Cesare Battisti dai governi di sinistra foto 2

La bufala originale in portoghese.

Il testo in portoghese era stato diffuso poco dopo il via libera per l'estradizione del terrorista italiano e la sua fuga, scatenando non poche polemiche attraverso i social. In Brasile c'è un compenso economico per i prigionieri politici che vengono inseriti in una apposita lista pubblica, ma il nome di Cesare Battisti non è presente. L'avvocato del terrorista italiano, Igor Tamasauskas, ha smentito categoricamente questa storia ai giornali brasiliani.