Berlusconi: «Più carcere e pene più severe per gli evasori»

La dichiarazione è stata fatta a Stasera Italia, programma di approfondimento politico in onda su Rete 4

Silvio Berlusconi sta tornando in campo. Il 17 gennaio ha dichiarato che si sarebbe candidato alle elezioni europee. Da allora il suo volto ha ricominciato a farsi vedere, negli incontri elettorali e nei salotti tv. Il 12 febbraio a Pomeriggio Cinque aveva dichiarato: «Quando c’è da votare quanti votano Berlusconi? Cinque o sei italiani su 100, una cosa fuori dal mondo, gli italiani sono quasi tutti fuori di testa. Si guardino nello specchio…». La sera del 13 febbraio Berlusconi si trovava a Stasera Italia, su Rete 4. Qui ha parlato di flat tax, l’aliquota fissa che la Lega aveva lanciato in campagna elettorale: «Ho suggerito io la flat tax a Putin, ora in Russia non c’é nessuna convenienza a eludere il 13 % di aliquota unica, con pene inasprite e si finisce in carcere. Quella annunciata in Italia è una presa in giro agli italiani». Poi, tornando sulla situazione italiana, ha parlato delle conseguenze a cui dovrebbero andare incontro gli evasori, sempre facendo riferimento alla politica di Putin: «Ci vogliono anche da noi – con la flat tax vera – pene severe e carcere aumentato agli evasori. In Russia Putin dice di aver eliminato elusione ed evasione». 


I rapporti dell’ex Cavaliere con il fisco non sono esattamente sereni. Nel maggio 2013 è stato condannato in via definitiva a quattro anni per frode fiscale nel processo Mediaset. Una sentenza che è costata parecchio al fondatore di Fininvest: un anno di servizi sociali nella casa di riposo di Cesano Boscone, due anni di interdizione dai pubblici uffici, la decadenza dalla carica di senatore e l’impossibilità di candidarsi fino al 2019. Dopo le dichiarazioni sul fisco si è rivolto direttamente agli spettatori che votano il Movimento 5 Stelle: «Italiani, siete tutti fuori di testa. Come si fa a ragionare così? Svegliatevi, siete una vergogna!». 

Leggi anche: