Triplicate le truffe sui siti di dating: in America persi 143 milioni di dollari solo nel 2018

di Redazione

Le frodi avvengono anche sui social network, dove i truffatori usano identità false o rubate per attirare le vittime e costruire un rapporto di fiducia per poi richiedere denaro 

Gli americani in cerca di amore online hanno perso 143 milioni di dollari per truffe nel 2018, il triplo rispetto al 2015. A fare i conti, nel giorno di San Valentino, un rapporto della Federal Trade Commission. Le frodi avvengono sui siti di dating online ma anche sui social network. I truffatori usano spesso identità false o rubate per attirare le loro vittime, un processo noto come "catfishing". Le braccano per lunghi periodi, cercando di costruire un rapporto di fiducia per poi richiedere denaro. Gli utenti più colpiti sono quelli nella fascia d'età 40-69 anni, ma anche gli over 70. Meno i più giovani.

Il fenomeno, spiega l'agenzia, è quasi triplicato negli ultimi anni: solo nel 2015, infatti, gli americani avevano subito 33 milioni di dollari di perdite per le cosiddette truffe romantiche. A livello mondiale, la società di sicurezza Kaspersky rileva in queste ore un forte aumento delle attività di phishing da parte di cybercriminali. Il numero complessivo degli utenti vittime di questi illeciti è passato da oltre due milioni nel 2018 agli oltre 4,3 milioni di quest'anno. Secondo le statistiche, i paesi più colpiti sono stati il Brasile (con una percentuale di incidenza superiore al 6,4%), il Portogallo (oltre il 5,8%), Venezuela (5,5%), Grecia (5,3%) e Spagna (5,1%).

Triplicate le truffe sui siti di dating: in America persi 143 milioni di dollari solo nel 2018 foto 1

Secondo uno studio dell'antivirus Avira, queste situazioni in Italia si verificano meno (in due mesi sono stati bloccati 135.000 tentativi in Italia contro 8,8 milioni in America) ma lo phishing sentimentale rimane una minaccia da sorvegliare. «La nostra ricerca ha dimostrato che non c’è differenza tra attività di phishing che sfruttano grandi eventi sportivi, falsi pagamenti o un pretesto più romantico. Basta guidare le emozioni degli utenti, che si tratti di frenesia, stress o amore. Così, qualsiasi cosa o quasi può diventare uno strumento di attacco nelle mani dei truffatori informatici. Il picco rilevato ricorda che si dovrebbe sempre essere cauti quando si naviga sul web, anche se si sta solo comprando fiori per la persona amata» segnala Andrey Kostin, Senior Web-Content Analyst di Kaspersky Lab.