Formigoni, prima notte in carcere: nel reparto anche Alberto Stasi e Alessandro Boettcher

di Redazione

L’ex governatore della regione Lombardia è stato condannato a 5 anni e 10 mesi di detenzione nel carcere di Bollate

Roberto Formigoni è detenuto dal 22 febbraio nel carcere di Bollate. L'ex governatore della Lombardia è stato condannato in via definitiva dalla Cassazione a 5 anni e 10 mesi per corruzione nel caso Maugeri-San Raffaele.

Il Celeste si trova nel I Reparto, insieme ad altri detenuti coinvolti in casi che hanno avuto un particolare clamore mediatico. Nella stessa palazzina di quattro piani (dove i detenuti possono circolare liberamente dalle 8 alle 20), ci sono anche Alessandro Boettcher e Alberto Stasi. Il primo condannato a 23 anni di carcere per avere sfigurato con il lancio di acido Stefano Savi. Stasi, invece, è stato accusato e poi condannato definitivamente in Cassazione a 16 anni di detenzione per l'omicidio di Chiara Poggi avvenuto a Garlasco nel 2007. Tra i compagni di cella di Formigoni ci sarebbe anche Costantino Passerino, anche lui condannato in Cassazione nello stesso processo.

«L'ho visto sereno e combattivo», ha dichiarato Mario Brusa, legale di Formigoni, dopo aver visitato il suo assistito dopo la prima notte in carcere. «Da parte degli altri detenuti è venuta una grande comprensione» – ha spiegato Brusa – «gli chiedono di che cosa ha bisogno, in una realtà in cui mai avrebbe pensato di trovarsi, anche se non appare scosso». Da Formigoni sono arrivate parole di conforto per la famiglia: «Si devono far forza quelli che sono fuori, che sanno tutta la storia: voglio che sappiano che devono essere forti».