«Nessuna relazione tra vaccini e autismo». Lo studio su mezzo milione di bambini danesi

di Felice Florio
«Nessuna relazione tra vaccini e autismo». Lo studio su mezzo milione di bambini danesi

La vaccinazione Mpr contro il morbillo, parotite e rosolia non causa un disturbo dello spettro autistico. Nonostante l’ennesima evidenza scientifica, alcune malattie quasi debellate stanno tornando a crescere anche nei Paesi più sviluppati. E l’Organizzazione mondiale della Sanità inserisce i no-vax tra le dieci principali minacce per la salute nel 2019

I ricercatori dello Statens Serum Institut di Copenaghen hanno dimostrato che non esiste un nesso causa-effetto tra vaccini e autismo. Lo studio, pubblicato sulla rivista Annali di medicina interna dell’American College Physicians, è stato effettuato su 657.461 bambini danesi – nati tra il 1999 e il 2010 – di cui 6.517 hanno sviluppato l’autismo. Studiando i loro dati, i ricercatori sono giunti alla conclusione che non ci sia alcun legame tra il vaccino Mpr, cioè il vaccino somministrato in età pediatrica che protegge da morbillo, parotite e rosolia, e i disturbi dello spettro autistico.

https://twitter.com/statuses/449525268529815552

I ricercatori danesi si sono anche soffermati su quei bimbi che, secondo gli anti-vaccinisti, sono più vulnerabili. Il risultato dell’indagine è che non c’è un rischio maggiore di sviluppare l’autismo per i bambini che hanno fratelli affetti dal disturbo. E non ci sono nemmeno picchi di incidenza durante i periodi di tempo a ridosso della vaccinazione. Le dosi di Mpr e i disturbi dello spettro autistico non hanno nessun collegamento scientifico.

Abbiamo fatto l'ennesima figuraccia mondiale: l'Italia è stigmatizzata sul New York Times e in particolare viene…

Posted by Roberto Burioni, Medico on Wednesday, May 3, 2017

Ciononostante, la disinformazione in questo ambito continua a causare non pochi problemi. L'Organizzazione mondiale della sanità, l’Oms, ha inserito lo scetticismo contro i vaccini tra le dieci principali minacce per la salute nel 2019. L’Unicef ha parlato di “impennata scioccante” riferendosi all’aumento dei casi di morbillo nel mondo.

https://twitter.com/statuses/403101532427919360

«La riluttanza o il rifiuto di vaccinare nonostante la disponibilità di vaccini rischia di invertire i progressi fatti nella lotta contro quelle malattie prevenibili con il vaccino», si legge sul sito dell’Oms. «La vaccinazione è uno dei modi più economici ed efficaci per debellare alcune malattie: attualmente salva dalla morte 2-3 milioni di persone ogni anno e questo dato migliorerebbe di 1,5 milioni se la copertura globale delle vaccinazioni migliorasse».

Oggi l'Italia è sul New York Times per l'aumento dei casi di morbillo. E per il fatto che alcuni partiti come i Cinque…

Posted by Matteo Renzi on Wednesday, May 3, 2017

E aggiunge sulla recente ondata di scetticismo: «Il morbillo, ad esempio, ha registrato un +30% di casi nel mondo. Le ragioni per questa crescita sono complesse e non tutte correlate alla titubanza del vaccino». Ma la cosa preoccupante è che «alcuni Paesi che erano vicini all’eliminazione totale di alcune malattie hanno visto un riemergere dei casi».