Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Vajont, Mattarella «Siamo sull’orlo di una crisi climatica globale»

«Gli sforzi compiuti nelle diverse conferenze internazionali sono ancora insufficienti», ha detto il capo dello Stato in visita a Belluno per la cerimonia commemorativa delle vittime dell’alluvione 

«Gli sforzi compiuti nelle diverse conferenze internazionali che si sono succedute hanno, sin qui, conseguito risultati significativi ma parziali e ancora insufficienti. Siamo sull'orlo di una crisi climatica globale per scongiurare la quale occorrono misure concordate a livello globale». Sono le parole del Capo dello Stato Sergio Mattarella in visita a Belluno per la cerimonia commemorativa delle vittime dell'alluvione del Vajont dell'ottobre 1963.


«Questo è il il senso – ha aggiunto il presidente della Repubblica – della sollecitazione sottoscritta, nell'autunno scorso, da alcuni capi di Stato europei». «Sentire parlare della desertificazione di ampie fasce delle terre africane o dei violenti tifoni nei Caraibi, sulla costa occidentale degli Stati Uniti o in Asia – ha commentato Mattarella – appariva qualcosa di remoto, che non ci riguardava».


https://twitter.com/statuses/1105437878497300480

L'omaggio ai caduti del Vajont

Prima della cerimonia, il presidente della Repubblica è andato a Fortogna, vicino a Longarone, per rendere omaggio nel cimitero monumentale ai duemila morti della tragedia del Vajont del 9 ottobre 1963.

Mattarella ha incontrato i superstiti, i parenti delle vittime e i volontari della protezione civile e, dopo aver deposto una corona di fiori, ha osservato un momento di silenzio insieme al presidente della Regione Luca Zaia e al sindaco di Longarone, Roberto Padrin.

Poi, è seguita la preghiera del vescovo di Belluno Feltre, monsignor Renato Marangoni, che ha ricordato il disastroso evento del 1963 e ha invocato «coraggio e speranza per chi è scampato a quella tragedia».

Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Leggi anche: