Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Nasce «Spìcciati», il nuovo modo di sbarazzarsi delle monetine creando economia

Dal primo maggio, in tutte le tabaccherie aderenti d’Italia, potrete lasciare monete da uno, due e cinque centesimi che andranno a finanziare progetti lavorativi rivolti ai giovani

Se le conosci le eviti: si potrebbe riassumere così la relazione che abbiamo noi italiani con le monetine in rame delle quali, di solito, non vediamo l’ora di disfarci. In Italia ne girerebbero – secondo una stima – 7 miliardi, per un valore complessivo di 198 milioni di euro. A quanto pare pure la Zecca ha risentito dei malumori che quel fastidioso tintinnio ramato ci provoca, e così, dal primo gennaio 2018 ha smesso di produrre monete da 1 e 2 centesimi.


Nasce «Spìcciati», il nuovo modo di sbarazzarsi delle monetine creando economia foto 1


Poi l’Associazione Start Italy ha avuto l’idea: raccogliere le monete per finanziare progetti legati al mondo dei giovani, a creazione di nuove imprese e creare posti di lavoro. Il progetto si intitola Spìcciati ed è stato presentato il programma di “reclutamento monete” al ministero per le Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo. Come destinatarie sono state scelte le tabaccherie soprattutto per il folto numero – ce ne sono 56 mila sparse per tutto lo stivale – e l’accessibilità.

Chi vuole, -dal primo maggio- potrà entrare in una tabaccheria e lasciare lì, in salvadanai preposti, le proprie monetine. Una volta al mese ciascun salvadanaio sarà ritirato per essere sostituito con uno nuovo; la cifra raggiunta e aggiornata potrete trovarla sul portale del progetto.

Nota per i più giovani: dal prossimo settembre partiranno i bandi cui potersi candidare per presentare le proprie idee; le aree tematiche per presentare la propria proposta riguardano Life Science, Bio-economia, Turismo, Industria Culturale e Creativa, Energy e Social Innovation. Spìcciati nasce dopo un lavoro di progettazione durato tre anni, ed è totalmente no profit.

Leggi anche: