Ottiene la cittadinanza e inventa l’app che aiuta gli stranieri a diventare cittadini

Sei mila utenti da 70 paesi nel mondo dopo un solo anno dal lancio sugli store di app per telefoni cellulari. E ora l’inventore – Ermir Lushnjari – cerca uno sponsor

Ermir Lushnjari ha 35 anni, è nato in Albania ed è arrivato vent’anni fa in Italia, su un barcone. Mentre nel 2011 svolgeva un praticantato per diventare avvocato nella città di Virbania, ha ottenuto la cittadinanza italiana. Poi, ha inventato un'app gratuita, accessibile a tutti, per aiutare gli stranieri a diventare cittadini. Oggi, a un anno dal lancio, l'applicazione conta circa sei mila utenti da 70 paesi nel mondo. 

L'app – chiamata «Caj Mali», nome di una tipologia di tè di montagna di facile reperibilità- spiega nel dettaglio come poter richiedere la cittadinanza, con tutte le regole del caso. E permette agli utenti di tenere d'occhio la propria pratica. L'app crea inoltre in automatico raccomandate per inviare solleciti. Questo è reso possibile grazie alla tracciabilità del proprio profilo, con l'inserimento delle credenziali nell'app stessa. Infine, chi ha bisogno di aiuto può trovare una sezione di assistenza on line.

Ottiene la cittadinanza e inventa l'app che aiuta gli stranieri a diventare cittadini foto 1

 Facebook | Dal profilo Facebook, un primo piano di Ermir Lushnjari

«Ho iniziato a lavorare e a studiare, ho finito il liceo, poi ho fatto l’università, e dopo dieci anni dalla domanda ho ottenuto la cittadinanza italiana» dice Ermir a Il Sole 24Ore. «E vedo che molti stranieri che vivono da anni in Italia – aggiunge – fanno molta fatica ad avere il documento, anche se si riconoscono nella società italiana e ne condividono i valori». Secondo Ermir, l'app ha lo scopo di aiutare gli stranieri prima di tutto da un punto di vista burocratico e rende loro più facile la normativa che regola la richiesta della cittadinanza. Ora l'inventore cerca uno sponsor per incrementare le funzioni dell'applicazione.

In copertina: L'app Caj Mali sullo store di Google Play

Leggi anche