Il video algerino spacciato per danese dalla propaganda anti-immigrazione

Circola un video dove dei musulmani starebbero fronteggiando violentemente la polizia danese a Copenaghen. Il video è sbagliato, usato appositamente per la propaganda anti-immigrazione, ma ci sono stati realmente degli scontri causati da un provocatore razzista

Il 25 aprile 2019 l'utente Americo Lodovici (@b_ludvig) pubblica un video che ritrae degli scontri tra quelli che sarebbero, secondo il racconto, dei musulmani e la polizia danese: «Attenti che i prossimi siamo noi. Copenaghen, orde di islamici attaccano la polizia danese».

Il video algerino spacciato per danese dalla propaganda anti-immigrazione foto 1

Non è la prima volta che questo video circola online associato a dei musulmani in Danimarca. L'account twitter The Backup of OnlineMagazin (@Fake_Ljaschko) – nato a seguito della sospensione di quello originale @OnlineMagazin - lo aveva condiviso in un tweet del 24 aprile 2019, lo stesso giorno veniva condiviso dalla pagina Facebook No Moschea a Venezia. Circolava ancora prima, come possiamo vedere da un tweet dell'account Nederland Nu (@NederlandI) del 18 aprile 2019. La narrativa è sempre la stessa, così come un inconcepibile «Breaking» da parte dell'utente Sotiri Dimpinoudis (@sotiridi) in un tweet del 19 aprile, ma il video è stato ripreso in Algeria.

Il video algerino spacciato per danese dalla propaganda anti-immigrazione foto 4

Il video algerino

Il primo elemento a disposizione è il furgone della polizia presente nel video, ma non risulta assomigliare a quelli in dotazione delle forze dell'ordine danesi:

Il video algerino spacciato per danese dalla propaganda anti-immigrazione foto 6

Il mezzo combacia, invece, con quello in dotazione della polizia algerina:

Il video algerino spacciato per danese dalla propaganda anti-immigrazione foto 5

Il video originale era stato pubblicato nella pagina Facebook del sito algerino Casbah Tribune l'8 marzo 2019 con la seguente descrizione: «Exemple de violences commises contre la police ce vendredi 8 mars 2019, rue Krim Belkacem à #Alger».

Il video algerino spacciato per danese dalla propaganda anti-immigrazione foto 3

Abbiamo un indirizzo, il Boulevard Colonel Krim Belkacem di Algeri. Gli elementi, effettivamente, combaciano:

Il video algerino spacciato per danese dalla propaganda anti-immigrazione foto 2

Quattro punti del video risultano coerenti con Google Maps

Il fatto riguarda le proteste da parte degli algerini contro il loro presidente, Abdelaziz Bouteflika, e non riguarda la religione musulmana. Sul sito Tsa-Algerie.com, in un articolo dell'8 marzo 2019, viene riportato l'arresto di 195 persone a seguito degli scontri:

21h34. Communiqué de la DGSN : « La Direction Générale de la Sûreté Nationale informe qu’à la fin de cette journée du vendredi 08 Mars 2019, au niveau des quartiers de Krim Belkacem et Didouche Mourad, un nombre importants de délinquants s’est manifesté dans le but de commettre des actes de saccage et de vandalisme. L’intervention des services de police a permis l’interpellation de 195 individus, objet actuellement d’enquêtes approfondies. Par ailleurs, la Direction Générale de la Sûreté Nationale déplore la blessure de 112 de ses hommes, actuellement pris en charge au niveau des services de santé de la Sûreté Nationale. »

Il video collage e i veri scontri

Un canale Youtube aveva pubblicato il 19 aprile un video collage che riguarda due diversi episodi. Nella parte iniziale troviamo parti di un video caricato su Facebook il 15 aprile 2019 nella pagina del provocatore Rasmus Paludan, un avvocato danese condannato ad aprile per reati razziali e fondatore del partito Stram Kurs. Nella seconda parte troviamo il video degli scontri in Algeria, forzando un collegamento con i fatti di Copenaghen. Ecco il video collage:

Si trattava di un'iniziativa anti-immigrazione organizzata da Rasmus Paludan il 14 aprile 2019 in piazza Blågårds Plads, come riportano il 14 e il 15 aprile i siti La-croix.com e Dr.dk.. Rasmus, scortato dalla polizia, si era presentato nel quartiere di Copenaghen per poi lanciare e gettare a terra una copia del Corano cercando l'attenzione dei credenti musulmani. Quel giorno vennero arrestate 23 persone a seguito degli scontri che erano scoppiati a causa della provocazione. 

Il video algerino spacciato per danese dalla propaganda anti-immigrazione foto 7

Il politico razzista con in mano una copia del Corano, usata per la sua "manifestazione"

A seguito delle proteste sono dovuti intervenire gli agenti che hanno fatto salire Rasmus su un furgoncino della Polizia per proteggerlo dalla folla e poi l'hanno fatto scendere, dopo aver messo la piazza sotto protezione in tenuta anti-sommossa. Ecco una serie di video che riassumono l'episodio:

L'avvocato e politico danese voleva continuare a manifestare nei giorni successivi, ma la stessa polizia danese gli ha posto il divieto in quanto risulta un pericolo per la sicurezza pubblica.

Conclusioni

Visto quanto riscontrato, il video che riprende dall'alto gli scontri tra manifestanti e polizia non è stato registrato in Danimarca e non ha a che fare con la religione o l'immigrazione. Il video viene associato erroneamente con gli scontri del 14 aprile 2019 a Copenaghen scoppiati dopo la provocazione del politico razzista Rasmus Paludan.

La bufala delle donne col burqa a Roma

Leggi anche