«1500 euro entro cinque giorni»: la richiesta del M5s ai parlamentari per le elezioni europee

Tutto è arrivato via mail. La donazione non è obbligatoria, ma «consigliata». Se tutti i senatori e i deputati donassero si supererebbero i 480 mila euro

Le campagne elettorali costano. Soprattutto quando i sondaggi non sono dei migliori e il rischio di farsi superare dagli alleati di governo è concreto. Il Movimento Cinque Stelle ha mandato una mail a tutti i suoi parlamentari, con una richiesta: versare 1500 euro entro il 3 maggio. Al momento, secondo i dati di OpenParlamento, gli iscritti ai gruppi M5s di Camera e Senato sono 326. Se tutti donassero, si arriverebbe a un tesoretto di 489 000 euro.Niente di obbligatorio, la quota è solo «consigliata»

L’agenzia stampa Agi è entrata in possesso della mail inoltrata a senatori e deputati pentastellati. Il tono non è minatorio e non urla all’emergenza. Ma la richiesta è confermata, con tanto di estremi bancari a cui fare il bonifico. Tutto è giustificatodal fatto che: «Vogliamo portare a Bruxelles lo stesso cambiamento che stiamo apportando al nostro Paese e imporre le tematiche del Movimento 5 Stelle anche in Europa».

Come sai, il Movimento 5 Stelle non riceve finanziamenti pubblici e non accetta donazioni dalle lobby, questo ci permette di avere le mani libere ed è la nostra più grande forza. Allo stesso tempo una buona campagna elettorale è il veicolo fondamentale per diffondere la nostra idea di Cambiamento: dobbiamo andare di piazza in piazza e chiamare a raccolta i cittadini intorno al nostro programma.

Le elezioni europee saranno un test importante per i Cinque Stelle. Dopo i risultati non certo confortanti delle ultime regionali, i pentastellati affronteranno nemici e alleati su scala nazionale. L’ultimo sondaggio pubblicato è quello realizzato daWinpool per il Sole 24 Ore. Qui la Lega domina con il 36,4%, mentre il Movimento fondato da Beppe Grillo è fermo al 20,1%, poco meno del Pd che arrivainvece al 20,5%.

In copertina: Foto Ansa | Un banchetto del Movimento Cinque Stelle a Milano per spiegare il contratto di governo con la Lega nel maggio 2018

Leggi anche