Sri Lanka, le immagini della prima Messa domenicale dopo gli attentati

di Redazione

Dopo gli attacchi nei giorni di Pasqua, in cui morirono almeno 250 persone, molte chiese cristiane sono rimaste chiuse. Oggi la prima messa domenicale, tra controlli e paure

Fuori le forze dell'ordine, dentro i fedeli che pregano. In Sri Lanka i cristiani tornano a celebrare la messa domenicale in chiesa dopo gli attacchi di aprile quando una cellula terroristica di matrice islamica aveva colpito decine di fedeli, oltre agli ospiti di tre Hotel nella capitale del Paese, uccidendo in totale almeno 250 persone.

Tra i luoghi colpiti ad aprile c'erano tre chiese: il santuario di Sant'Antonio nella capitale Colombo, la chiesa di San Sebastiano a Negombo, a nord della capitale, e una chiesa nella città di Batticaloa. Tre gli hotel di lusso colpiti, tutti nella capitale Colombo: lo Shangri-La Hotel, il Cinnamon Grand hotel e il Kingsbury Hotel.

Sri Lanka, le immagini della prima Messa domenicale dopo gli attentati foto 1

Ansa |Controlli fuori da una chiesa a Colombo

Da allora le chiese non avevano più celebrato la Messa. il 12 maggio la Cattedrale di Santa Lucia ha aperto le sue porte ai fedeli, alcuni dei quali erano presenti in altri luoghi di culto il giorno dell'attacco. All'ingresso le forze dell'ordine effettuavano controlli mentre dei soldati pattugliavano il quartiere in motocicletta.

Come racconta il quotidiano britannicoThe Guardianalcuni dei fedeli presenti avevano perso parenti, amici e conoscenti il giorno degli attacchi. Tornando nei luoghi di culto sono stati costretti a fare i conti con il loro trauma. Tra loro anche dei bambini, alcuni dei quali hanno trovato troppo doloroso rimanere per l'intera cerimonia.

Sri Lanka, le immagini della prima Messa domenicale dopo gli attentati foto 2

Ansa |I fedeli partecipano a una messa nella chiesa Tutti i Santi

Nelle ultime settimane le autorità srilankesi hanno arrestato circa 150 persone collegate alla cellula terroristica, composta di una dozzina di persone, responsabile per gli attacchi di Pasqua. In origine gli attentati erano stati attribuiti a National Thowheed Jamath, un gruppo islamista srilankese.

Il leader della cellula, Zahran Hasim, un predicatore islamico radicale, è morto negli attentati. Alcuni suoi parenti sono stati uccisi in un raid della polizia nei giorni successivi agli attacchi. Le forze di polizia avevano battuto a tappeto l'intera città, arrestando decine di persone. L'Isis, sconfitto in Siria e in Iraq, aveva rivendicato gli attentati.

Sri Lanka, le immagini della prima Messa domenicale dopo gli attentati foto 3

Ansa |La commozione dei fedeli