Salvini a Caserta: la polizia invita un reporter a cancellare le foto

Al giornalista è stato vietato di fotografare gli agenti in divisa durante il comizio

Venerdì scorso 31 maggio, Fabio Sasso, giornalista fotoreporter, si trovava ad Aversa in provincia di Caserta per assistere al comizio del ministro dell’Interno, nonché leader del Carroccio, Matteo Salvini. La polizia poi, secondo quanto racconta Sasso, lo avrebbe costretto a cancellare alcune foto.

«Mi è parso strano uno spiegamento di forze del genere, vista la grandezza della cittadina. Andava tutto bene, ero lì per scattare qualche foto per raccontare la Lega al sud, quando mi si è avvicinata una funzionaria della Polizia».

Sasso racconta come gli siano prima stati chiesti i documenti per un normale riconoscimento, poi però gli è stato chiesto di non fotografare gli agenti in divisa «per nessun motivo» e che «avrei dovuto cancellare tutto quello che avevo già scattato. Ho eseguito gli ordini, anche se a pensarci bene non avrei dovuto».

L’episodio è arrivato subito alle orecchie dell’Fnsi – la Federazione Nazionale della Stampa italiana -, il sindacato dei giornalisti, che per l’occasione ha rilasciato un comunicato.

«Prima del comizio del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, in piazza Municipio ad Aversa, quando la situazione era assolutamente tranquilla, la polizia ha fermato il fotoreporter Fabio Sasso e dopo averlo minacciato di arresto, non si sa per quale reato, lo ha costretto a cancellare tutte le foto scattate», si legge.

E poi: «È l’ennesimo preoccupante abuso da parte delle forze dell’ordine, abusi sui quali non si può tacere». Facendo riferimento all’episodio precedente del collega Stefano Origone di Repubblica, malmenato la scorsa settimana dalla Polizia durante gli scontri a Genova, l’Fnsi è voluta tornare sull’argomento.

«È necessario – si legge nella nota del sindacato – fare chiarezza sul caso denunciato dal collega. In un Paese democratico la libertà di informare deve essere garantita in ogni modo e soprattutto da coloro che dovrebbero tutelare l’ordine. La deriva che si sta prendendo apre scenari preoccupanti».

Fabio Sasso è stato raggiunto allora dal questore di Caserta Antonio Borrelli. Dopo le scuse, il questore ha anche diramato un’agenzia di stampa per spiegare l’accaduto, definendo la richiesta dei poliziotti un «eccesso di zelo».

Leggi anche: