Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No, Noa non è morta di eutanasia

Diversamente da quanto riportato, la ragazza si sarebbe lasciata morire di fame e di sete

La sorella della diciassettenne Noa Pothoven aveva annunciato la sua morte domenica 2 giugno 2019. Tre giorni dopo, martedì 4 giugno, i media internazionali avevano ripreso la notizia sostenendo che la ragazza aveva posto fine alla sua vita tramite eutanasia. In realtà, alla ragazza era stata negata la possibilità del decesso assistito attivamente e si sarebbe lasciata morire di fame e sete.

La stessa Noa aveva annunciato dal suo account Instagram che aveva smesso di bere e mangiare da tempo e che aveva deciso di lasciarsi andare. Nel post aveva chiaramente scritto che «entro dieci giorni al massimo morirò. Dopo anni di battaglie, sono prosciugata». In nessun caso aveva annunciato pubblicamente che avrebbe cessato di vivere tramite la pratica dell’eutanasia.

Il sito olandese Ad.nl aveva pubblicato il 2 giugno 2019 un articolo dove annunciava la morte della ragazza e in nessun caso viene citata l’eutanasia.

Il tentativo di eutanasia

Noa aveva raccontato in un’intervista al giornale olandese de Gelderlander che a 16 anni si era presentata alla clinica Levenseind ​​all’Aia all’insaputa dei suoi genitori per chiedere se fosse idonea all’eutanasia o l’assistenza al suicidio? La risposta dell’ospedale era stata un secco «no».

Una foto di Noa del 2018 dal suo profilo Facebook.

Noa aveva spiegato la loro scelta: «Pensano che io sia troppo giovane per morire. Pensano che dovrei completare il trattamento del trauma e che il mio cervello deve prima essere completamente cresciuto. Questo avverrà quando compierò 21 anni – E aggiunge – Sono devastata, non posso più aspettare così tanto tempo».

Le condizioni di Noa

Noa soffriva infatti di disturbo da stress post-traumatico, depressione e anoressia. Esente dall’obbligo scolastico, non frequentava più la scuola. Nel suo libro Vincere o apprendere Noa racconta gli abusi subiti che, per paura e vergogna, aveva nascosto per lungo tempo.

Secondo quanto riportato nell’articolo del 2018 del giornale olandese de Gelderlander, Noa venne ricoverata presso l’ospedale Rijnstate di Arnhem a causa delle sue condizioni di salute e perché gravemente sottopeso. Secondo quanto riportato dall’articolo del Gelderlander sarebbe stata messa in coma farmacologico per essere nutrita artificialmente.

In un articolo del 2 giugno 2019 del de Gelderlander, si legge che Noa si trovava in un letto di ospedale posto nel soggiorno di casa sua, come lei stessa aveva raccontato nel suo ultimo post Instagram. In nessun caso viene citata l’eutanasia che aveva desiderato. Naomi O’Leary di Politico.eu aveva contattato il giornalista Paul Bolwerk del de Gelderlander, che aveva seguito le battaglie di Noa, ottenendo questa risposta in merito alla sua morte: «No no no no, you can’t speak of active euthanization». Insomma, non si può parlare di eutanasia per il caso di Noa.

Eutanasia o cure palliative?

Quello che Noa poteva ricevere erano le cure palliative, citate dalla giornalista di Politico.eu, che è cosa ben diversa dall’eutanasia:

La sedazione profonda non accelera il percorso che porta al decesso del paziente, che avverrà in modo fisiologico, ma col paziente addormentato. L’eutanasia provoca invece la morte di una persona tramite la somministrazione di alcuni farmaci o tramite la sottrazione del sostegno vitale per il paziente.

L’eutanasia per i minori è possibile in Olanda?

Certo, è possibile sotto determinate condizioni:

  • dall’età di 12 anni è consentita solo se la sofferenza è causata da una condizione medica e fino a 16 anni c’è bisogno dell’approvazione dei genitori o del tutore;
  • dai 16 ai 17 anni la decisione può essere presa dal minore, ma i genitori devono essere sempre coinvolti dai medici;
  • il via libera dall’approvazione e dal coinvolgimento dei genitori parte dal compimento dei 18 anni.

Per il caso di Noa, secondo quanto da lei raccontato, per la clinica era giovane ed era meglio proseguire con le cure e di attendere di compiere 21 anni. La legge olandese non prevede il raggiungimento dell’età citata da Noa e lei stessa non lo specifica, dunque le dichiarazioni della clinica potrebbero riguardare altri elementi relativi alla vicenda della ragazza. Noa aveva tentato più volte il suicidio ed era stata costretta a sottoporsi alle attenzione di un centro di cura.

La questione era psicologica e secondo la legge olandese i medici devono seguire delle specifiche linee guida dove bisognava tenere conto del parere di un secondo psichiatra indipendente, coinvolgere altri curanti tenendo in considerazioni ulteriori consulenze, discutere con i familiari e le persone care al richiedente, un ulteriore valutazione da un consulente terzo e via dicendo. È possibile che il compimento dei 21 anni sia stato citato dai medici dopo aver seguito il processo previsto dalla direttiva olandese per i pazienti con disturbo mentale valutando/sperando che i trattamenti in cliniche specializzate potessero aiutarla.

Il testo del post di Noa

Riportiamo di seguito il testo originale del post Instagram di Noa seguito dalla traduzione:

Een verdrietige laatste post. Ik heb lang getwijfeld of ik het hier zou gaan delen, maar heb besloten het toch te gaan doen. Misschien komt het onverwachts vanwege mijn posts over de opname, maar mijn plan lag er al langer dus het is niet impulsief. Ik kom maar meteen tot de kern: binnen max. 10 dagen ga ik overlijden. Na jaren strijden en vechten is het op. Ik ben nu een tijdje gestopt met eten en drinken, en na veel gesprekken en beoordelingen is er besloten dat ik word losgelaten omdat mijn lijden ondragelijk is. Het is op. Ik leef al zo lang niet meer écht, ik overleef, en zelfs dat niet echt. Ik adem nog wel maar ik leef niet meer. Ik word goed verzorgd, ik krijg sterke pijnstilling en ben de hele dag met mijn gezin (ik lig in een ziekenhuisbed in de woonkamer). Ik ben bezig met afscheid nemen van de belangrijkste mensen in mijn leven. Ik kan niet meer bellen en ook amper meer appen. Als ik je niet zelf benader dan lukt het ook niet meer om afscheid te nemen, ik ben heel zwak dus beperk dit tot de allerbelangrijkste mensen. Ik vraag hierbij ook of je me niet wil volspammen met smeekbedes of dit tóch kan, dit kan ik niet meer aan. Het is goed zo. Ga me niet overtuigen dat dit niet goed is, dit is mijn besluit en het is definitief. Liefde is loslaten, in dit geval wel …Bedankt voor jullie steun altijd. Het is goed zo. Het wordt hier over een tijdje gepost als ik ben overleden, dus dat wordt vanzelf duidelijk. Liefs van Noa

Traduzione:

Ho ragionato a lungo se condividere o meno questo post, ma ho deciso di farlo comunque. Forse questa scelta sarà una sorpresa per alcuni, ma ci stavo pensando da molto tempo quindi non è una decisione impulsiva. Vado dritto al punto: al massimo entro 10 giorni morirò. Dopo anni di battaglie, sono esausta. Ho smesso di mangiare, di bere, e dopo averci a lungo ragionato, ho deciso di lasciarmi andare, perché la sofferenza è insopportabile. È finita. Per molto tempo la mia non è stata vita, ma sopravvivenza. Respiro ancora, ma non vivo più. Sono ben curata, ottengo sollievo dal dolore e sono con la mia famiglia tutto il giorno (sono in un letto d’ospedale nel soggiorno di casa mia). Sto salutando le persone più importanti della mia vita. Non posso più chiamare. Sono molto debole quindi riservo queste cose alle persone più importanti. Con questo post, inoltre, vi chiedo di non inviarmi messaggi, non posso più gestirli. Va tutto bene. Non provate a convincermi che questa non è la scelta giusta, questa è la mia decisione ed è definitiva. L’amore è lasciare andare, in alcuni casi… Grazie per il vostro supporto. Con amore, Noa

Articolo in collaborazione con Emma Bubola.