Salvini festeggia per gli arresti, ma le operazioni sono in corso: l’ira dei pm

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha avuto molta fretta di fare i complimenti alle forze dell’ordine di Monza e Prato per due distinte operazioni, che però erano ancora in corso, anticipando quindi gli arresti che sono stati portati a termine.

Il vicepremier leghista alle 10 di questa mattina aveva esultato per l’arresto di un gruppo di spacciatori affidando le sue parole alle agenzie di stampa: «Beccati undici pregiudicati stranieri – ha detto Salvini – quasi tutti irregolari, per tentato omicidio, spaccio, detenzione, e porto abusivo di armi, Scatenavano la guerra per il controllo della droga a Varedo, nel Milanese: nessuna per i venditori di morte. Grazie ai Carabinieri! Pene esemplari ed espulsioni!».

Quella operazione però era ancora in corso e a stretto giro il procuratore di Monza, Luisa Zanetti, ha risposto al ministro con una nota ufficiale: «L’operazione, coordinata dalla procura di Monza è ancora in corso: l’anticipata pubblicazione della notizia espone a rischio il buon esito della stessa». Il procuratore ha quindi chiesto «silenzio stampa» in attesa della concluione dell’operazione.

Il secondo annuncio di Salvini è arrivato in tv, quando ha rivelato la notizia dell’arresto di 10 cinesi a Prato. Subito dopo la procura ha chiarito che gli arresti sono “solo tre, al momento – riporta una nota – le misure cautelari eseguite nei confronti di 10 cittadini nell’ambito dell’inchiesta sul controllo del traffico di prostituzione». Il procuratore di Prato, Giuseppe Nicolosi, sarebbe stato particolarmente irritato per l’anticipazione del ministro, come riporta l’Ansa.

I due casi di Prato e Monza arrivano dopo il precedente di Torino. Era il 19 dicembre scorso, quando Salvini anticipò la notizia su diversi arresti di stranieri poco dopo l’inizio dell’operazione delle forze dell’ordine. Il procuratore di Torino, Armando Spataro, aveva protestato per il comportamento del capo del Viminale, aprendo con lui uno scontro frontale durato alcuni giorni.

Leggi anche: