L’ex ministro degli esteri Frattini dà dei «musi gialli sadici» ai cinesi del festival di Yulin

«Bastardi. Fottuti bastardi. Vi auguro tutto il peggio», twitta invece Michela Vittoria Brambilla

«Musi gialli sadici» e «feccia del mondo». Sono gli epiteti con cui Franco Frattini, ex ministro degli Esteri (due volte) nei governi di Silvio Berlusconi, già Commissario europeo e oggi presidente del Collegio di garanzia del Coni appella i cinesi su Twitter.

L’occasione è un tweet di denuncia relativo al festival della carne di cane a Yulin, in Cina: un evento che, fin dalla sua nascita, ha fatto parlare di sè e mobilitare persone da tutto il mondo. Il festival è cominciato il 21 giugno e andrà avanti fino al 30. Gli animali, come testimoniano da anni gli attivisti, qui vengono torturati, scuoiati, bolliti vivi, presi a bastonare, sgozzati. Un racconto dell’orrore, anche senza vedere le immagini cruente che pure circolano on line. Dal 2009, anno di nascita del festival, non si contano le petizioni e le mobilitazioni per impedirlo.

Franco Frattini ritwitta. Poi risponde al tweet – che vede menzionati il suo account e quello del premier Giuseppe Conte e di Michela Vittoria Brambilla, anche lei forzista e oggi presidente della Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, storica paladina dei diritti degli animali (la quale, a sua volta, risponde «Bastardi. Fottuti bastardi. Vi auguro tutto il peggio»).

«Mostrate al mondo cosa fanno questi musi gialli sadici di Yulin», scrive Frattini. «Cosa di peggio dell’inferno in terra possiamo augurare a questa feccia del mondo?».

In copertina Franco Frattini in occasione della presentazione del libro di Francesco Rutelli dal titolo “La Diplomazia Culturale italiana. Il Patrimonio, le industrie creative e l’interesse nazionale” presso l’Auditorium dell’Ara Pacis, Roma, 18 giugno 2018. Ansa/Angelo Carconi

Leggi anche: