Stadio della Roma, 12 rinvii a giudizio: c’è anche Parnasi

La prima udienza è fissata per il 5 novembre. Campidoglio e Regione Lazio hanno chiesto di costituirsi parti civili

A processo l’imprenditore Luca Parnasi per la vicenda del nuovo stadio della Roma, mentre i suoi stretti collaboratori Luca Caporilli, Giulio Mangosi, e Simone Contasta hanno patteggiato una condanna a 2 anni.

Il giudice per l’udienza preliminare di Roma ha rinviato a giudizio anche gli altri manager collaboratori di Parnasi, Nabor Zaffiri e Gianluca Talone, oltre che l’ex vicepresidente del Consiglio della Regione Lazio, Adriano Palozzi, l’ex assessore regionale e attuale consigliere Michele Civita, il capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale, Davide Bordoni, il soprintendente ai beni culturali, Francesco Prosperetti. La prima udienza è fissata per il 5 novembre.

Vanno a processo poi Daniele Leoni, funzionario del Dipartimento Urbanistica del Comune di Roma, Giampaolo Gola, l’ex assessore allo sport del X Municipio, l’architetto Paolo Desideri, e Claudio Santini, ex capo di Gabinetto al Mibact.

Le accuse sono a vario a titolo di associazione per delinquere, corruzione e finanziamento illecito. I pm capitolini in particolare ipotizzano una presunta corruzione nell’ambito della variante del progetto per lo stadio che dovrebbe sorgere nella zona di Tor di Valle, approvato poi col taglio del 50% delle cubature rispetto al progetto iniziale.

Per questa vicenda Campidoglio e Regione Lazio hanno chiesto di costituirsi parti civili.

In copertina Luca Parnasi. Ansa/Ettore Ferrari

Leggi anche: