Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La figlia dell’ispettore di polizia Filippo Raciti depone la tesi di laurea accanto alla divisa del padre

«Riporre quelle poche pagine accanto alla sua uniforme è stata certamente una delle emozioni più forti della mia vita»

Lei è Fabiana, figlia dell’ispettore capo della polizia di Stato, Filippo Raciti, morto il 2 febbraio 2007 durante gli incidenti scatenati dagli ultras del Catania contro le forze dell’ordine che erano intervenute per sedare i disordini al termine del match calcistico, tenutosi allo stadio Massimino, Catania-Palermo.


La laurea in Giurisprudenza

La figlia del poliziotto ha donato una copia della sua tesi (si è laureata in Giurisprudenza) al X reparto mobile della polizia di Stato. «Con un forte nodo in gola, sono entrata nell’aula magna Filippo Raciti all’interno della quale è stata allestita un’esposizione permanente delle uniformi storiche della polizia di Stato» ha raccontato sul suo profilo Facebook. Tra queste, la più recente, è quella indossata dall’ispettore Filippo Raciti. Per scrivere la tesi ha dovuto leggere le sentenze sull’omicidio del padre: «Non avevo avuto la forza di farlo prima» ha raccontato a Tgcom24.


La tesi

«All’età di 15 anni promisi a me stessa che avrei contribuito a cambiare le cose e, in questi mesi, un ulteriore passo è stato quello di lavorare a una tesi che sottolinea l’importanza delle nostre forze dell’ordine sia nella vita di tutti i giorni che in occasione di grandi eventi sportivi, politici e religiosi». Il lavoro si intitola “Sicurezza ed eventi sportivi: dal trattato n. 218 del Consiglio d’Europa al caso Raciti”. «La notte della morte di mio padre, quel 2 febbraio 2007, rappresenta l’anno zero per l’ordine pubblico nei grandi eventi. Da quella tragica vicenda a oggi l’ordinamento italiano è stato migliorato in tanti aspetti; molte lacune presenti allora nella normativa sono state colmate; tante le novità in materia, dalla scuola di formazione al Daspo» ha spiegato Fabiana Raciti.

«Riporre quelle poche pagine accanto alla sua uniforme – ha concluso – è stata certamente una delle emozioni più forti della mia vita».

Leggi anche: