La nipote di Mussolini bloccata su Facebook dopo gli auguri al nonno. Lancia una battaglia «di libertà e legalità» contro il social

«Io non ci sto. Ho le mie idee. Basta censura», ha scritto sul suo profilo alternativo

«29 luglio. Buon compleanno nonno». Il tempo di uno status e Facebook ha disattivato il profilo di un utente che augurava buon compleanno al parente defunto. Ma c’è una spiegazione: a scrivere gli auguri è stata Edda Negri Mussolini, nipote di Benito, ex sindaco di Gemmano (Rimini) e autrice del libro Donna Rachele mia nonna. La moglie di Benito Mussolini

«Il 29 luglio – ha spiegato Negri Mussolini all’Ansa – ho scritto sul mio profilo Facebook ‘buon compleanno nonno’. Non ho scritto altro, non ho inneggiato al fascismo. Il post è stato bloccato per 24 ore, poi il profilo è stato disabilitato».

«Su quel profilo avevo più di 7.000 persone che mi seguivano, diverse persone mi hanno espresso solidarietà e sono state bloccate», ha affermato. «Quindi questa non è una battaglia solo mia. Non è stata data nessuna motivazione alla cancellazione, non so perché il profilo sia stato chiuso. Per aver fatto gli auguri a mio nonno? Vorrei sapere almeno la motivazione».

Dopo il blocco, la nipote del fondatore del fascismo ha inviato un messaggio di posta elettronica certificata all’azienda, affinché il suo vecchio profilo possa venire riattivato. «Hanno 15 giorni di tempo», ha sottolineato. Il suo legale, Francesco Minutillo, ha parlato di «censura arbitraria e illegittima», e di una «battaglia di libertà e legalità che riguarda tantissime persone vittime in questi anni di veri e propri soprusi politici da parte del colosso americano».

Leggi anche: