Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il video di Manuel Bortuzzo, la forza di un giovane che ama la vita

«Non mi importa sapere se chi mi ha fatto del male sia punito con 16 o 20 anni di prigione. Nessuna sentenza mi può fare ritornare come prima. So di dovermi confrontare con una realtà diversa, che sto affrontando con positività e determinazione»

«Sono qui per dire la mia sulla sentenza di oggi». Comincia così il videomessaggio che Manuel Bortuzzo ha affidato al canale social di Federnuoto, dopo la sentenza di condanna a 16 anni di reclusione per Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano decisa dal Gup Daniela Caramico D’Auria.


«Purtroppo – come sapete – la sentenza non cambia le cose: non mi restituirà certamente le gambe. In questo momento penso esclusivamente a riprendermi, consapevole che la giustizia debba fare il suo corso.


Io ho tantissime altre cose a cui pensare, devo pensare a riprendermi, consapevole che la giustizia farà il suo corso. A me non importa tanto se hanno dato 16 o 20 anni a chi mi ha fatto del male.

La mia situazione rimane questa, quindi devo pensare a me stesso. Nessuna sentenza mi può fare ritornare come prima. So di dovermi confrontare con una realtà diversa, e lo faccio col sorriso, con positività e determinazione.

Perché comunque ho un sogno, un grande sogno: quello di tornare a camminare. Lo sto portando avanti con determinazione, sacrificio e impegno, come mi ha insegnato lo sport per una vita.

Sono qui per provare a cambiare il mio destino. E se non ce la farò avrò comunque altre centomila cose belle da fare che affronterò sempre con sorriso e positività».

Sullo stesso tema: