Esclusiva – Stasera Report risponde a Meloni: «Tutto vero, follower anomali spammano notizie false»

La trasmissione di Rai3 ha analizzato le risposte dell’esponente di Fratelli d’Italia che li aveva accusati di non essere degni del servizio pubblico. Ecco cosa ha scoperto

Si sono presi dieci giorni di tempo per valutare i dati che avevano raccolto e confrontarli con le accuse di Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia (partito valutato stabilmente al 10%) che aveva bollato la trasmissione di giornalismo investigativo Report come «non degna del servizio pubblico».

Ora, però, i giornalisti guidati da Sigfrido Ranucci si dicono pronti a rispondere confermando il reportage sui presunti account falsi o anomali che seguirebbero Giorgia Meloni: nel replicare all’inchiesta, l’esponente politica avrebbe analizzato periodi diversi nel tempo e sistemi informatici considerati meno accurati.

Questa sera andrà in onda una nuova puntata della loro indagine a proposito di fake news e diffusione in rete. Open l’ha vista in anteprima.

Di cosa stiamo parlando

Partiamo da un riassunto delle puntate precedenti, per chi non avesse seguito una delle polemiche che più hanno infuocato le scorse settimane.

Il 28 ottobre scorso va in onda su Rai3 una puntata, curata da Giorgio Mottola, dedicata all’uso dei social da parte dei leader politici italiani. In particolare, nel caso di Fratelli d’Italia l’analisi dei follower mostrava che più di 237mila account che seguono la leader romana, a maggio scorso, erano gli stessi che seguivano l’account di Trash italiano, blog che crea e condivide gif e meme dedicati al mondo dello spettacolo. Molti di questi seguivano la musicista Francesca Michelin che, a sua volta, aveva il 34% degli utenti in comune con Meloni. La maggior parte di questi account sono poi considerati “anomali”, se si prende per buona la definizione della comunità degli analisti per profili senza foto e con meno di 10 follower su Twitter. Tutti e tre i diretti interessati, contattati da Report, avevano negato di aver acquistato account.  

Quindi, il 4 novembre, Giorgia Meloni risponde con una conferenza stampa alla Camera. Mostra un’analisi condotta con il software Audience Connect (non è un dettaglio, vedremo poi perché) in cui si dice che attualmente solo il 29% dei suoi follower segue anche Trash Italiano. Su Francesca Michelin, invece, spiega che lei ha anche il 39% dei follower in comune con Giuseppe Conte ma non per questo è considerata un’anomalia.

I nuovi dati

Report nella puntata di stasera spiega che i dati di cui avevano parlato sono riferiti a maggio e non a settembre. Lo certificherebbe un report rilasciato proprio dalla Audience Connect il 26 aprile scorso, mostrato nel corso della puntata.

Non solo. Usando un ulteriore strumento di analisi, Metraton, i dati coincidono. Ed emergono altri tipi di anomalie: se si guarda chi sta condividendo in un determinato momento i contenuti della leader di FdI, si nota che la maggior parte usano applicazioni come Twitter per Android o per web, ma alcuni usano programmi tipici dei Bot: «Qui notiamo il software PTM SCBLC 56 D, è un bot chiarissimo», dice a un certo punto l’analista Alex Orlowsky.  

Meloni ha anche spiegato alla Camera che pure gli utenti che seguono Report su Twitter sarebbero falsi, se si usa lo strumento Twitter Audit. Sul punto, Report ha intervistato David Puente di Open.online: «Ho provato a creare un account falso ho invitato gli utenti a seguirlo ma ho anche comprato follower falsi e Twitter Audit non li ha individuati».

Infine, Matteo Flora, professore di Corporate reputation – il cui report integrale potete leggere su Open – ha evidenziato che i follower della leader politica, veri o falsi che siano, frequentemente condividono sul web notizie da siti noti per aver condiviso informazioni false o manipolate, specie sul tema immigrazione.

L’ultimo particolare non farà piacere alla leader di Fratelli d’Italia. In un audio finora riservato, Steve Bannon, l’ex capo stratega di Donald Trump, l’avrebbe introdotta ai giornalisti del Guardian come capo di uno “dei vecchi partiti fascisti”. Meloni ha sempre dichiarato, e lo fa anche a Report: «Il fascismo è finito 30 anni fa, non ci sono connessioni».  

Come finirà la battaglia legale annunciata da Meloni contro Report? La leader di FdI ha chiesto alla Rai e alla politica di intervenire. I parlamentari del suo partito hanno presentato un’interrogazione in Vigilanza Rai. Il conduttore Ranucci, però, spiega che un’inchiesta giornalistica deve essere valutata per la sua verità non per l’opportunità politica. E c’è un luogo idoneo dove stabilirlo che è il tribunale.

Leggi anche: