Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Omicidio Cerciello Rega, sarà il 26 febbraio il processo ai due americani

La gip ha così accolto la richiesta della Procura di Roma, che aveva sollecitato il rito immediato per i due americani

L’appuntamento è per il 26 febbraio 2020: la giudice per le indagini preliminari Chiara Gallo ha disposto il giudizio immediato nei confronti di Finnegan Lee Elder e Gabriel Natale Hjorth, entrambi in stato di arresto, i due ragazzi americani accusati dell’omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, ucciso a Roma il 25 luglio scorso.


La gip ha così accolto la richiesta della Procura di Roma, che aveva sollecitato il rito immediato per i due americani. Agli imputati vengono contestati i reati di tentata estorsione, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni.


«In concorso tra loro, dopo aver stabilito un appuntamento in Via Pietro Cossa per la riconsegna dello zainetto» – sottratto a Sergio Brigiatelli – nonostante i due carabinieri in borghese sopraggiunti e allertati dallo stesso Brugiatelli, Mario Cerciello Rega e il suo collega Andrea Varriale «si fossero qualificati come appartenenti all’arma dei Carabinieri, dapprima ingaggiavano una colluttazione rispettivamente il Cerciello con Elder e il Varriale con Natale Hjorth». Dalle intercettazioni emergerà che i due ragazzi statunitensi erano coscienti di avere davanti due appartenenti alle forze dell’ordine.

E poi l’escalation con – si legge nel decreto – Elder che colpiva «con numerosi fendenti Cerciello in zone vitali». Tanto che, in conseguenza di quelle lesioni – 11 coltellate – il vicebrigadiere moriva poco dopo presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Santo Spirito. Elder e Natale, invece, «si davano a precipitosa fuga incuranti delle condizioni del Cerciello, esanime».

Massimo Ferrandino, legale della vedova del carabiniere, Rosa Maria Esilio, è soddisfatto: «Lavoro straordinario degli inquirenti sotto la scrupolosa guida del dottor Prestipino e della dottoressa Calabretta», dice a Open.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: