«Renzi ha acquistato la sua villa di Firenze con i 700mila euro prestati da un finanziatore di Open»: la rivelazione dell’Espresso

Il prestito da 700mila euro sarebbe stato girato ai Renzi direttamente dall’anziana madre dell’imprenditore Riccardo Maestrelli con un bonifico da ben 700 mila euro datato 12 giugno 2018

La villa di Firenze di Matteo Renzi, che era già finita al centro delle polemiche, sarebbe stata acquistata con i soldi di un finanziatore di Open, la fondazione su cui sta indagando la procura.

A rivelarlo sono Emiliano Fittipaldi e Giovanni Tizian sulle pagine de L’Espresso. Secondo i due giornalisti, le anomalie sull’acquisto dell’abitazione emergerebbero dai documenti dell’inchiesta della procura di Firenze sulla fondazione Open.

Da queste carte sembrerebbe che parte dei soldi necessari ad acquistare la casa il cui valore supera il milione sarebbero stati girati dalla famiglia Maestrelli, una famiglia di imprenditori che ha finanziato la fondazione Open.

Il prestito da 700mila euro sarebbe stato girato ai Renzi direttamente dall’anziana madre dell’imprenditore Riccardo Maestrelli con un bonifico da 700mila euro, datato 12 giugno 2018 con causale “prestito”.

Lo stesso Riccardo che «fu nominato dal governo Renzi nel consiglio di amministrazione di Cassa depositi e prestiti Immobiliare Spa, società pubblica di Real Estate controllata dal ministero dell’Economia». Parte di quei soldi, circa 400mila euro, sarebbero poi stati utilizzati da Renzi e dalla moglie Agnese come caparra per acquistare l’abitazione.

La caparra viene infatti depositata dai Renzi il 13 giugno, il giorno dopo la data del bonifico. Renzi smentisce che l’acquisto della casa abbia a che fare con la fondazione Open. E annuncia una denuncia nei confronti dell’Espresso.

Leggi anche: